Tassisti in protesta a Milano: «Noi dimenticati». Insulti e spintoni ai sindacalisti

Martedì 26 Maggio 2020
Tassisti in protesta a Milano: «Noi dimenticati». Insulti e spintoni ai sindacalisti

Attimi di tensione questo pomeriggio davanti al palazzo della Regione Lombardia, a Milano, tra tassisti e rappresentanti sindacali. Dalle 10 centinaia di autisti erano in presidio di protesta contro «l'immobilismo della politica nei confronti di un comparto abbandonato e dimenticato» e per ottenere «agevolazioni fiscali o una sovvenzione come è avvenuto in Campania e in Piemonte».
 

 

Secondo quanto riferito da alcuni conducenti e dalle forze dell'ordine, nel pomeriggio i rappresentanti sindacali hanno comunicato che non c'erano stati passi avanti nella trattativa con la Regione e questo ha provocato la reazione violenta di alcuni tassisti che hanno spinto e offeso i sindacalisti.

La tensione è durata pochi minuti e non avrebbe causato feriti o contusi. Dopo altre discussioni il gruppo si è sciolto ed è stato deciso che una piccola rappresentanza resterà in presidio fisso in piazza IV Novembre e piazza Luigi di Savoia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA