Milan-Inter, Salvini risponde a Ghali: «Solo in cerca di notorietà, preferisco Vasco»

Il leader del carroccio pubblica un post su Instagram e parla a 'Quarta Repubblica' sui fatti relativi a Milan-Inter

Salvini risponde a Ghali: «Solo in cerca di notorietà, preferisco Vasco»
Salvini risponde a Ghali: «Solo in cerca di notorietà, preferisco Vasco»
4 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 19:32 - Ultimo aggiornamento: 19:35

«La musica e l’arte dovrebbero esprimere e alimentare gioia, armonia, amicizia, positività, bellezza. Perché tanta cattiveria ragazzi miei? Solo per cercare un po’ di notorietà? Vogliamoci bene, peace and love». Queste le parole usate da Matteo Salvini, insieme ad un cuoricino rosso, per commentare quanto accaduto domenica sera a San Siro con Ghali

Leggi anche > Milan-Inter, scontro tra Matteo Salvini e Ghali in tribuna a San Siro

Il leader del carroccio risponde così, su un post su Instagram, a Ghali e a Jake La Furia, dopo la lite scoppiata in tribuna durante il derby di Milano. Jake La Furia, infatti, ieri ha detto a Radio 105 che «tralasciando le buone maniere, io avrei fatto la stessa cosa» e «lo avrei insultato e mi spiace non esserci stato, sono contro qualsiasi cosa Salvini pensi».

«Ognuno deve ricevere quello che dà», ha detto ancora Jake La Furia. «Salvini dice delle cose agghiaccianti a tutto il Paese senza preoccuparsi di ferire le persone che sono colpite dalle sue parole. Si dice: chi semina vento raccoglie tempesta. Se tu apri la bocca spesso e volentieri per ferire delle categorie, può essere che quelle categorie quando le incontri non se la tengano».

Secondo la ricostruzione dei fatti di Dagospia, dopo il gol del Milan, Ghali avrebbe gridato in direzione di Salvini: «Buffone, tu che cazzo esulti? Ha segnato un nero. Un nero come me, come tanti e come tanti di quelli che tu fai morire in mare! Vergognati!»

Mentre la ricostruzione della Lega diffusa ieri è questa: «Matteo Salvini è stato aggredito verbalmente da Ghali durante il primo tempo di Milan-Inter di ieri sera. Il leader della Lega era in tribuna con il figlio, e subito dopo il gol del pareggio gli si è avvicinato il rapper in evidente stato di agitazione. Ghali ha urlato una serie di insulti e di accuse farneticanti a proposito dell’immigrazione – cercando di filmarsi col cellulare – ed è stato subito allontanato, tra lo sconcerto degli altri spettatori. La società rossonera si è scusata con Salvini, che sul momento non aveva riconosciuto Ghali né aveva compreso i motivi della sua alterazione».

Oltre al post Instagram, Salvini ha parlato dell’accaduto a Quarta Repubblica, il talk politico di Rete 4 condotto da Nicola Porro: «Sarò vecchia maniera, ma non conoscevo il signor Ghali, né il signor Jake La Furia. Preferisco De André, De Gregori, Battisti o Vasco. Mi è spiaciuto perché ero in un momento di tranquillità allo stadio con mio figlio che riesco a vedere poco, ma almeno una partita di calcio dovrebbe essere esente dalla polemica, vederci un ossesso che assatanato mi urla 'assassino assassino!' quando il Milan pareggia l’1-0 del’Inter perché io volevo il male del mondo, sono un razzista, sono un fascista. Io ho invitato questi signori a bersi un caffè. Il Covid ci dovrebbe insegnare che il nemico è la malattia, la disoccupazione, la precarietà, la criminalità, non Salvini. Se ti guardano, spero che si rilassino, si facciano una tisana e se vogliono li invito a bere un caffè a parlare di musica. Poi a qualcuno piace Jake La Furia, a qualcuno piace Ghali, io preferisco Max Pezzali e Lucio Battisti, però peace and love, non è il momento di litigare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA