Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Milano, rissa choc sui Navigli. La denuncia dei residenti: «A un ragazzo sbattuta la testa sul granito, poteva morire»

In un video pubblicato su Facebook si nota una maxi rissa davanti ai locali a Milano

Milano, rissa choc sui Navigli. La denuncia dei residenti: «A un ragazzo sbattuta la testa sul granito, poteva morire»
di Simona Romanò
2 Minuti di Lettura
Venerdì 22 Ottobre 2021, 15:56 - Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre, 19:42

«Spintoni, urla, parole grosse e un ragazzo al quale è sbattuta ripetutamente la testa contro il parapetto delle sponde». È quanto si vede nel video girato dai residenti, che immortala minuto per minuto l’ennesima rissa scoppiata lungo i Navigli di Milano e postata su Facebook sul profilo Milanobelladadio. A essere coinvolti un folto gruppo di ragazzi che si affrontano in mezzo alla gente in un’escalation di violenza.

RISSA CHOC SUI NAVIGLI A MILANO

«Ordinaria amministrazione», scrivono gli abitanti, a corredo del video, esasperati dalla movida fuori controllo, fra  i Navigli e la Darsena. E ancora: «Andiamo avanti così, è agghiacciante. Quel ragazzo poteva rimanere ferito gravemente. O morire». L’appello è al neoassessore alla Sicurezza Marco Granelli: «Lei può cambiare le cose».

La richiesta di aiuto al Comune arriva proprio all’indomani della stretta annunciata dal sindaco Giuseppe Sala alla movida sregolata nei luoghi caldi del divertimento milanese, anche grazie all’assunzione di 500 nuovi agenti. «Rafforzare il ruolo e la presenza della polizia locale soprattutto di notte», è l’obiettivo confermato da Sala. «Bisogna porre molta attenzione alla sera e alle ore notturne, quando si concentrano la maggior parte dei fatti che turbano la quiete pubblica e portano a momenti di violenza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA