Presidio della Lega Milano nella sede di Pane Quotidiano: «Troppi bivacchi e degrado»

Sabato 15 Maggio 2021

Presidio della Lega Milano in mattinata lungo Viale Monza, accanto alla sede di Pane Quotidiano, la onlus che distribuisce cibo gratuitamente a chi ne ha bisogno. Lo scopo del presidio è denunciare «situazioni spiacevoli», come la compravendita dei prodotti donati e «bivacchi, con conseguente degrado nei giardini accanto». 

 

Leggi anche > Elezioni sindaco di Milano, Albertini si tira fuori: «Per ragioni personali non posso candidarmi»

 

«Ringraziamo Pane Quotidiano per il grande ruolo sociale che svolge in un momento complicato ma il problema - spiega Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 - è il degrado intorno, come denunciato da anni dai residenti e dal comitato di quartiere. Purtroppo i prodotti alimentari donati a chi ha bisogno finiscono per essere merce da rivendere e tutto ciò è inaccettabile. Nel parcheggio limitrofo si creano mini suk illegali. Chi abita questa zona lamenta un evidente mancanza di decoro e l'abbandono da parte dell'amministrazione comunale».  Silvia Sardone, eurodeputata e consigliere comunale della Lega, fa le sue proposte: «Sostenere le importanti attività del Pane Quotidiano ma allo stesso tempo mettere un presidio fisso della Polizia Locale in modo da evitare la compravendita dei prodotti donati dal Pane Quotidiano e garantire un controllo più frequente dei giardinetti dove bivaccano sbandati e ubriachi. Dove è finita l'ossessione per le periferie di Beppe Sala? Forse è più impegnato a immaginare nuove folli ciclabili disegnate per terra».

 

Per Stefano Bolognini, commissario provinciale della Lega, «è doveroso aiutare le persone in difficolta ma allo stesso tempo bisogna bloccare gli sgradevoli episodi di rivendita dei prodotti che il Pane Quotidiano offre ai bisognosi. Purtroppo Sala perde tempo esclusivamente per il centro, Milano non è solo i salotti ma anche periferie dignitose che hanno necessità di attenzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA