Monza, 14enne preso a cinghiate dal patrigno, scappa e chiede aiuto ai carabinieri

Il ragazzino si è rifugiato nella caserma dei carabinieri dopo essere stato picchiato a cinghiate dal patrigno

Monza, 14enne preso a cinghiate dal patrigno, scappa e chiede aiuto ai carabinieri
2 Minuti di Lettura
Martedì 12 Aprile 2022, 16:59 - Ultimo aggiornamento: 17:44

Un patrigno orco che lo picchiava con la cinghia e una madre che lo lasciava fare. E' l'incubo da cui è fuggito un  ragazzino di 14 anni arrivato piangendo alla caserma dei carabinieri a Seregno (Monza) dove dopo la denuncia è stato ospitato per la notte. Il ragazzino è scappato di casa dopo l'ultima violenza ed ha chiesto aiuto ai militari: si é presentato in caserma terrorizzato, non riusciva neanche a raccontare quanto gli era successo. Poi piangendo ha mostrato i segni dell'aggressione, il corpo coperto di lividi e segni di cinghiate, e ha spiegato di non poter più tollerare le violenze da parte del patrigno, senza che sua madre avesse mai fatto nulla per fermarlo.

Leggi anche > Cade da una scala: operaio di 46 anni muore mentre lavora

Refertato in ospedale, é stato dimesso con una prognosi di 25 giorni. Non essendoci alcun posto disponibile nelle strutture per minori in provincia, i carabinieri hanno deciso di ospitare il minore, che ha cenato con i militari e trascorso la notte in caserma. Il patrigno é stato denunciato per lesioni e maltrattamenti su minore, per il secondo reato in concorso con la madre del ragazzino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA