Milano, brucia la villa che gli hanno pignorato: condannato assieme al cugino

Sabato 24 Luglio 2021
Incendia la casa che gli avevano pignorato

Gli avevano pignorato la casa e lui ha deciso di dare fuoco all'edificio. Non riusciva a pagare il mutuo, così la banca ha pignorato la sua villetta, per poi venderla all'asta. Ma lui, di tutta risposta, ha dato fuoco all'edificio con l'aiuto di un cugino.

 

Leggi anche > Milano: cade mentre lavora alla biblioteca della Statale, Enrico muore dopo tre giorni di agonia

Due italiani di 47 e 43, residenti a Bareggio e Sedriano, in provincia di Milano, sono stati condannati a tre anni e sei mesi. Il Tribunale di Milano ha riconosciuto l'ex proprietario e il cugino responsabili dell'incendio doloso che fu appiccato l'11 agosto 2018.

 

Le indagini per far luce sulla vicenda sono state complesse. Non è stato semplice far luce sulla vicenda. Gli inquirenti avevano acclarato come il fuoco fosse stato appiccato dall'ex proprietario, insieme al complice, dopo che la villetta era stata venduta all'asta nel mese di luglio in seguito a un pignoramento. 

 

Oltre alla condannata a 3 anni e mezzo di carcere, i due uomini sono stati interdetti dai pubblici uffici per cinque anni e a pena espiata saranno in libertà vigilata. Inoltre, entrambi dovranno risarcire le spese processuali e i danni provocati ai nuovi proprietari, liquidando una provvisionale immediata di 150mila euro.

 

I vigili del fuoco, dopo aver lavorato per 5 ore per riuscire a domare le fiamme, fecero subito presenti dei dettagli che lasciavano pensare al fatto che il rogo fosse doloso: una finestra del piano terra divelta e il forte odore di benzina che si sentiva all'interno della villetta.

 

Ai militari era bastato poco per capire che dietro le fiamme c'era proprio l'ex proprietario, che aveva provato a difendersi con gli investigatori dichiarando di essere a lavoro.

 

Il condannato non era più riuscito a pagare il mutuo e la banca aveva pignorato l'abitazione, poi messa all'asta dal tribunale di Milano. In estate, poi, la villetta era stata regolarmente acquistata da una donna e l'11 agosto l'uomo avrebbe dovuto liberarla completamente. Ma quella sera, quell'incendio distrusse definitivamente la villetta.

 

Ultimo aggiornamento: 26 Luglio, 11:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA