Charlotte Angie, la pornostar fatta a pezzi: l'omicida posta le foto su Instagram dopo la morte

Carol, conosciuta nel mondo dell'hard come Charlotte, era morta già da sei mesi e Davide Fontana ha pubblicato su un suo profilo Instagram le foto della ragazza

Charlotte Angie, la macabra scoperta: l'omicida posta le foto su Instagram dopo l'omicidio
Charlotte Angie, la macabra scoperta: l'omicida posta le foto su Instagram dopo l'omicidio
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Marzo 2022, 18:00

«Nato a Milano in Aprile, ariete atipico, calmo e razionale ma testardo e determinato a raggiungere gli obiettivi prefissati». Così Davide Fontana, reo confesso dell'omicidio di Carol Maltesi, si racconta sul blog di cucina 'storie di food' da lui gestito. Fontana però aveva anche un altro profilo instagram, sempre dedicato alla fotografia, ma di tutt'altro tipo: solo ragazze, solo mises succinte e atteggiamenti provocanti, solo nomi di fantasia. E 

Leggi anche > Charlotte Angie, il vicino confessa: «Colpita a martellate. L'ha cercata solo la mamma. Lui ha usato la sua auto per mesi»

Tra le ultime foto postate, lo scorso 13 marzo, quando ormai Carol era già morta da mesi, proprio quelle della ragazza, di cui viene fatto il nome d'arte, Charlotte Angie. Proprio sotto queste foto, oggi sono iniziati a piovere insulti contro l'assassino, che qui si presenta così: «Scatto per passione, sperimento, esploro. La banalità mi annoia» e invita a contattarlo direttamente per eventuali collaborazioni.

«Amo la cucina a 360°, mi diletto ai fornelli - scrive invece nella presentazione del blog di cucina - provando e riprovando ricette tradizionali e non, cercando spunti e ispirazione dai migliori chef. La creatività la ricerco nei ristoranti che frequento, sono sensibile al fascino di un piatto che riesca ad abbinare bellezza visiva ad un gusto sorprendente. Appassionato di tecnologia e fotografia, questo progetto nasce con l'ambizione di coniugare tutte le mie passioni, fonderle insieme e cercare (e ricercare) novità e sperimentazioni food».

© RIPRODUZIONE RISERVATA