Brescia, 11enne ruba 1.500 euro dal bar di famiglia per pagare i bulli: «Volevano sempre più soldi»

La madre aveva notato lividi su gambe e braccia del bambino che prima ha detto di essersi fatto male da solo, poi ha spiegato di essere stato picchiato dai bulli

Mercoledì 11 Maggio 2022
bullismo - immagine di repertorio

Sperava di tenerli buoni con le merendine e invece per lasciarlo in pace i bulli chiedevano soldi, sempre di più soldi. Un bambino di 11 anni di Brescia è arrivato a rubare dalla cassa del bar di famiglia 1.500 euro per pagare i bulli che lo tormentavano. Per settimane lo hanno aspettato fuori dalla scuola che frequenta in città, fino a quando la vittima ha raccontato tutto alla famiglia. La madre dell'undicenne ha quindi denunciato presunti episodi di bullismo nei confronti del figlio.

 

Leggi anche > Brescia, bambino di due anni falciato da un decespugliatore: è grave in ospedale

 

«Pensavo inizialmente di potermi limitare a dare delle merendine e invece hanno voluto sempre più soldi» ha spiegato denunciando alla Polizia di Stato. Su gambe e braccia la madre aveva notato dei lividi e il bambino, che prima aveva detto di essersi fatto male da solo, ora ha spiegato di essere stato picchiato. Le prime ammissioni le ha fatte ad un amico di famiglia, un avvocato, che ha fatto da tramite con i genitori. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA