Alberto Genovese si difende: «Alle mie feste droga e sesso, lo sapevano tutti»

Alberto Genovese si difende: «Alle mie feste droga e sesso, lo sapevano tutti»
Alberto Genovese si difende: «Alle mie feste droga e sesso, lo sapevano tutti»
3 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Giugno 2022, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 15:52

Ha continuato a difendersi, davanti al gup Chiara Valori, Alberto Genovese, l'ex fondatore di importanti start up digitali a processo con rito abbreviato per due casi di violenze sessuali con uso di droghe tra Milano e Ibiza, nel 2020. In particolare, al momento l'ex imprenditore ha parlato di quanto avvenne nell'isola spagnola nel luglio di due anni fa, nella sua residenza 'Villa Lolita', dove una modella di 23 anni avrebbe subito abusi sessuali.

Alberto Genovese, il processo per stupro: «La ragazza ora è invalida, non può più fare la modella»

Su questo caso, il primo che è stato affrontato (si prosegue con l'interrogatorio nel pomeriggio), Genovese ha spiegato che lui quel giorno non ha percepito alcun rifiuto e che comunque la ragazza non ha manifestato, a suo dire, dissenso su rapporti sessuali con utilizzo di massicce dosi di cocaina e ketamina. E che solo ora, che è in una comunità, ha compreso quali possano essere gli effetti dell'abuso di droghe, comprese le convulsioni. La 23enne, infatti, era stata molto male quella notte nella villa di Ibiza. Per la presunta violenza nell'isola è imputata anche l'ex fidanzata di Genovese. Il 45enne ha sostenuto che era lui a chiederle di prendere parte a rapporti anche con altre donne.

 

Genovese ha ripercorso, in sostanza, la linea difensiva già resa nei verbali nel corso delle indagini, dicendo che fino al 2016 non aveva mai fatto uso di droghe e che sul suo cambio di stile di vita ha pesato il successo: si è trasformato, in pratica, da un 'nerd' in un imprenditore che incassava decine e decine di milioni di euro. Non ha saputo gestire questa fase, nemmeno le relazioni sociali e sentimentali, e ha iniziato prima a bere molto e poi a drogarsi. Ha anche riferito, stando a quanto si è saputo, che alle feste nelle sue residenze, tra cui l'ormai nota Terrazza Sentimento, tutti andavano ben sapendo che si facesse uso di droghe e che il tema fosse 'cocaina e sesso', comprese le ragazze. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA