Mascherine, patto Dogane-Comuni e categorie per distribuirle gratis

Martedì 5 Maggio 2020 di Rosario Dimito
Mascherine, patto Dogane-Comuni e categorie per distribuirle gratis

Patto tra Agenzie delle dogane, Anci e associazioni degli industriali, commercianti, esercenti e artigiani al fine di favorire la distribuzione gratuita a dipendenti e cittadini di mascherine generiche, chirurgiche e DPI utili a contrastare la diffusione del COVID-19.

Fase 2, la task force del Ministero dell'Innovazione: «Ridurre l'orario di lavoro a salario invariato e turni»

Fase 2, il rientro nelle aziende: scanner, turni ridotti e all'ingresso c'è il triage

E' quanto prevede un protocollo firmato appunto, da questi soggetti in base al quale «i Comuni Capoluogo sede di Città Metropolitana e, all'occorrenza, gli altri Comuni, anche in aggregazione tra di loro, si attiveranno al fine di facilitare la fornitura su base gratuita alla popolazione di strumenti utili alla tutela e protezione della salute o di strumenti comunque utili alla protezione dall'ambiente circostante. Con tali atti i Comuni concorderanno con l'Associazione di categoria di volta in volta firmataria del Protocollo (tra queste, ad esempio, Confindustria, Confcommercio, Confesercenti e Confartigianato) ad effettuare, a cura e spese di quest'ultima ma nell'interesse del Comune associato, ordini di mascherine generiche, chirurgiche e DPI, aventi i requisiti di legge ai fini dello sdoganamento, da distribuire gratuitamente nell'ambito delle attività e degli esercizi svolti nel territorio comunale al personale e/o ai clienti delle imprese». 

«L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli provvederà, tramite proprie direttive interne, a garantire che gli ordini effettuati in base al presente protocollo siano sdoganati con le procedure più celeri a disposizione e in esenzione di IVA e dazi doganali, fornendo la necessaria assistenza amministrativa». Ecco il protocollo che Il Messaggero.it è in grado di rivelare.

 
 

 

 
 

Ultimo aggiornamento: 20:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA