Incendi, brucia il Sud: morti in Calabria e Sicilia. «I roghi sono dolosi»

Giovedì 12 Agosto 2021 di Giuseppe Scarpa
Incendi, brucia il Sud: morti in Calabria e Sicilia. «I roghi sono dolosi»

Il fuoco divora l’Aspromonte da sei giorni. Brucia la Calabria. Muoiono le persone avvolte dalle fiamme. Roghi spesso innescati dai piromani. Le vittime accertate in Regione sono salite a quattro. Venerdì i primi due: zia e nipote, Margherita e Antonio Cilione, di 53 e 34 anni, a San Lorenzo (Reggio Calabria). Hanno cercato di salvare l’uliveto di famiglia dalla furia dell’incendio. Accerchiati dai roghi non hanno avuto scampo. Ieri è stato ritrovato anche il cadavere di un anziano pastore, Mario Zavaglia, di 77 anni in un casolare di Grotteria, sempre nel reggino. Poche ore dopo a Cardato, stessa provincia, i vigili del fuoco hanno scoperto il corpo carbonizzato di un altro pensionato, Nicola Fortugno aveva 79 anni. Anche la Sicilia è costretta a fare la conta dei morti. A Paternò, in provincia di Catania, un agricoltore di 30 anni, Ignazio Di Stefano, è stato schiacciato dal suo trattore nel tentativo di spegnere un rogo. Per lui non c’è stato niente da fare. A Pergusa (Enna) le fiamme hanno minacciato un gruppo di case e due famiglie sono state evacuate.

 

Incendi Sicilia, a Enna le fiamme minacciano le case: famiglie evacuate

 

Le isole

La Regione è stretta dalla morsa di un caldo record. A Floridia, nel Siracusano, sono stati toccati i 48,8 gradi. Ieri nel Catanese sono stati 112 gli interventi dei pompieri per domare le fiamme che stanno divorando la macchia mediterranea. Divampano gli incendi anche in provincia di Palermo, sulle Madonie, e tra le pinete del Ragusano. Per i prossimi giorni la Protezione Civile ha diffuso un bollettino di allerta rossa che riguarda tutte le province siciliane, ad eccezione di quella di Messina (in arancione). E grande preoccupazione resta sempre per la Sardegna, in particolare le zone del Nuorese e dell’Ogliastra, travolta dal fuoco da tre settimane. Un grosso fronte ieri si è aperto a Borore, nel Marghine, dopo che le fiamme al confine con i territori di Birori e Bortigali hanno distrutto un territorio di 180 ettari. Ieri mattina c’è stata una riaccensione e ancora fino al pomeriggio di mercoledì i pompieri hanno lottato con le fiamme. Per domare i roghi sono stati impiegati cinque elicotteri del Corpo Forestale e un Canadair.

 

Incendi in Calabria e Sicilia, morti due anziani nel Reggino e un 30enne a Paternò. Algeria, 65 vittime

 

 


In Campania, invece, un uomo di 68 anni stava cercando di spegnere un incendio divampato nel proprio terreno ma è stato investito dalle fiamme e per questo è ricoverato in codice rosso in ospedale a Benevento. L’incidente è avvenuto in località Rotola, nel comune di Ceppaloni. Anche l’Abruzzo brucia, tanto che il prefetto di Chieti, Armando Forgione, e come lui altri colleghi del sud Italia, hanno vietato i fuochi d’artificio a Ferragosto. «Abbiamo mappato oltre 40 cause alla base degli incendi boschivi (in tutta Italia) - riferisce il il colonnello Marco di Fonzo, comandante del Nucleo Antincendio del comando carabinieri tutela forestale - dalle ripuliture dei fondi alle bruciature delle stoppe ai comportamenti dei piromani, che sono una percentuale residuale, al vandalismo. È capitato anche di giovani che hanno dato fuoco per vedere in azione la macchina dei soccorsi». 

 

Caldo record in Italia, il climatologo: «Ecco come ci stiamo tropicalizzando e cosa ci aspetta ora»

 

Video

 

Caldo, 48.8° a Floridia (Siracusa): nuovo record europeo. Il precedente era di 48.5° nell'Ennese. Top 10 delle località più torride


L’allerta

L’allerta massima è però sulla Calabria. «La situazione è drammatica. Risultano attivi 110 roghi», afferma il presidente della Regione Nino Spirlì. «Sono minacciati i faggi secolari del Parco Nazionale dell’Aspromonte, patrimonio Unesco - spiega il sindaco di Reggio Giuseppe Falcomatà - e si teme per il Santuario di Polsi. Abbiamo ottenuto la dichiarazione dello stato di calamità per il risarcimento dei danni». Chi invece non ha dubbi sulla natura degli incendi è Vincenzo Mazzei, presidente dell’Unione nazionale comuni ed enti montani (Uncem) Calabria: «Sono dolosi e colposi». «In Calabria giungeranno nelle prossime ore 130 Vigili del Fuoco provenienti da diverse regioni» sottolinea il sottosegretario all’Interno Carlo Sibilia a margine della riunione del Centro Operativo Nazionale al Viminale,

 

Ultimo aggiornamento: 13 Agosto, 11:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA