Firenze si tinge di viola: le sei porte storiche illuminate per la Giornata mondiale per la fibromialgia

L'Assessore Sara Funaro: "Vogliamo rendere visibile una malattia invisibile"

Firenze si tinge di viola: le sei porte storiche illuminate per la Giornata mondiale per la fibromialgia
Firenze si tinge di viola: le sei porte storiche illuminate per la Giornata mondiale per la fibromialgia
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 11 Maggio 2022, 16:16

Firenze si tinge di viola. Nessuna celebrazione riferita alla Fiorentina, ma un'iniziativa ben più importante. Il capoluogo toscano aderisce alla Giornata mondiale per la fibromialgia e all’iniziativa «Illuminiamo la fibromialgia» dell’associazione AFI OdV. E lo fa illuminando di viola le sei porte storiche della città.

Leggi anche > «Playable», una due giorni alla scoperta dello sport per disabili: a Firenze l'obiettivo è abbattere i pregiudizi

La speciale illuminazione, realizzata a cura di Firenze Smart, sarà visibile mercoledì 11 e giovedì 12 maggio e ha l’obiettivo di sensibilizzare i cittadini sulla fibromialgia, che colpisce prevalentemente le donne in età lavorativa. Questa patologia è definita anche ‘malattia invisibile’ per l’assenza di marker clinici e di segni evidenti sul corpo della persona.

«Con la Giornata mondiale della fibromialgia e l’illuminazione di viola delle sei porte storiche vogliamo rendere visibile una ‘malattia invisibile’ - ha detto l’assessore a Welfare Sara Funaro - e sensibilizzare i cittadini su questa patologia che troppo spesso non viene riconosciuta e di conseguenza trascurata. È importante che le persone, soprattutto le donne, conoscano la fibromialgia e le condizioni del paziente fibromialgico affinché la malattia sia riconosciuta e chi ne soffre possa subito intervenire con le cure necessarie, che purtroppo con la pandemia possono essere state trascurate».

In Italia la fibromialgia ha una prevalenza del 2,2%: pur essendo, probabilmente, una patologia con forte impronta genetica essa ha bisogno di cause scatenanti o facilitanti: sono considerati fattori di rischio la giovane età, stress psicologico, i fattori sociodemografici e il malessere sociale. Alcuni studi interessanti hanno evidenziato la relazione tra fibromialgia e catastrofi naturali, attentati, Covid-19, guerra del Golfo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA