Firenze, Nardella: «Pochi 200 milioni ai Comuni, per l'emergenza energetica serve 1 miliardo»

«Se non arrivano queste risorse diventa difficile non solo per Firenze ma per tutti i Comuni gestire i bilanci in modo corretto senza dover fare dei tagli dolorosi»

Dario Nardella sindaco di Firenze
Dario Nardella sindaco di Firenze
2 Minuti di Lettura
Sabato 23 Aprile 2022, 19:20

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella, torna sul caro bollette e chiede un miliardo per gli enti locali. Per contrastare il caro-energia «noi stiamo aspettando che il governo ci dia dei contributi importanti nel fondo energia, perché i 200 milioni di euro previsti per tutte le città italiane sono del tutto insufficienti, quindi speriamo che arrivi questo segnale» ha detto Nardella, a margine dell'inaugurazione della Mostra internazionale dell'Artigianato a Firenze. «Abbiamo calcolato che il deficit è di 12-13 milioni di euro, quindi è necessario che lo Stato ci aiuti», ha aggiunto.

Leggi anche > Terremoto in Toscana di magnitudo 3.2, avvertito anche in Emilia Romagna. Paura sui social

Nardella ha ricordato che «abbiamo chiesto come associazione di Comuni che il fondo per gli enti locali per l'emergenza energetica sia di un miliardo di euro, e quindi siamo in fiduciosa attesa, perché se non arrivano queste risorse dallo Stato centrale agli enti locali diventa difficile non solo per Firenze ma per tutti gli altri Comuni italiani gestire i bilanci in modo corretto senza dover fare dei tagli molto dolorosi. Noi non vogliamo arrivare a questa decisione estrema: è necessario però che lo Stato ci aiuti».

Per il sindaco «i consumi energetici dei Comuni riguardano la vita della comunità, perché noi paghiamo il riscaldamento e la luce delle scuole, degli uffici, di tutti i luoghi come dire di interesse pubblico, anche attraverso le nostre società. La stessa illuminazione è un costo che va sulla bolletta energetica, nonostante gli investimenti sulle luci a led che ci hanno permesso quasi di dimezzare i costi della bolletta, però comunque noi non ce la facciamo». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA