Zona bianca e zona gialla, tutte le regole da oggi 1° giugno: dal coprifuoco alle visite ai parenti

Martedì 1 Giugno 2021
Zona bianca e zona gialla, tutte le regole da oggi 1° giugno: dal coprifuoco alle visite ai parenti

La giornata di oggi, 1° giugno, è una tappa importante nel percorso delle riaperture dopo tanti mesi di misure restrittive anti Covid. Ma la situazione non è uguale in tutta Italia: persistono infatti ancora differenze tra le regole nelle regioni in zona gialla e quelle in zona bianca (per ora solo Friuli Venezia Giulia, Molise e Sardegna). In tutta Italia, a prescindere dalla fascia di colore, si può fare attività sportiva sia all’aperto che al chiuso e le palestre sono aperte: aperti anche bar e ristoranti e consentiti gli spostamenti tra comuni e tra regioni.

 

Leggi anche > Alla maturità con il vaccino, Regioni in ordine sparso: è corsa contro il tempo

 

ZONA GIALLA

 

Innanzitutto il coprifuoco: nelle zone gialle è ancora in vigore dalle 23 alle 5. Le visite a parenti e amici, come negli ultimi mesi, sono consentite solo in 4 persone una volta al giorno (non contano nel conteggio i figli minori di 16 anni). Ancora chiuse le sale giochi e scommesse e le discoteche, sospese le attività delle fiere e delle sale congresso, mentre i musei sono aperti solo su prenotazione: feste, matrimoni e cerimonie non sono ancora consentiti. Per quanto riguarda piscine e centri termali, consentite le attività solo all’aperto.

 

ZONA BIANCA

 

Nelle regioni bianche, niente coprifuoco: dopo sette mesi, la circolazione è libera ad ogni ora. Le visite a parenti e amici sono consentite senza limiti, così come le attività di bar e ristoranti che non hanno più la tagliola del coprifuoco per la loro chiusura. Aperti i musei (anche senza prenotazione), le sale giochi e le sale scommesse: aperte anche piscine e centri termali all’aperto e al chiuso, fiere e sale congresso, così come le discoteche che riattivano i servizi di bar e ristorazione (non si potrà accedere invece alle sale da ballo). Consentite feste e matrimoni, ma solo con green pass.

© RIPRODUZIONE RISERVATA