Zio violento aggredisce la sorella con i figli in casa: per scappare si lancia dalla finestra

L'altro figlio, di 25 anni, è rimasto ferito tentando di tenere bloccata la porta per impedire allo zio di entrare

Mercoledì 8 Dicembre 2021

Momenti di terrore quelli vissuti la notte scorsa da una famiglia di Monte di Procida nel Napoletano per l'aggressione dello zio che ha spinto una ragazza a lanciarsi dalla finestra per scappare, mentre il fratello bloccava la porta cercando di tenerlo fuori. L'uomo un 53enne, residente nella cittadina flegrea, è stato sorpreso dai carabinieri mentre, con un bastone di alluminio, stava rompendo la finestra al primo piano dell'abitazione di sua sorella. La figlia 23enne della donna, traumatizzata dalla violenza dello zio, si è lanciata dalla finestra. Nonostante diverse ferite e fratture la ragazza non è in pericolo di vita: trasportata in ospedale è stata medicata con una prognosi di 30 giorni. L'altro figlio, di 25 anni, nel tentativo di tenere bloccata la porta dell'appartamento per impedire allo zio di entrare, si è procurato invece ferite al piede destro giudicate guaribili in 10 giorni.

 

Leggi anche > Fuga di gas, esplode il palazzo a Lisbona: Dario Di Nolfo (studente Erasmus) muore a 27 anni

 

I carabinieri di Monte di Procida in sinergia con quelli della sezione radiomobile della compagnia di Pozzuoli, allertati dal 112, sono intervenuti in via Cappella, dove era stata segnalata una persona che, in evidente stato di alterazione psicofisica, stava aggredendo i propri familiari. Bloccare l'uomo non è stato affatto semplice. L'arresto è avvenuto solo dopo una lunga colluttazione durante la quale i carabinieri hanno riportato ferite, traumi e contusioni. Sono stati medicati presso il pronto soccorso dell'ospedale civile di Pozzuoli, senza riportare gravi conseguenze. Il 53enne già noto alle forze dell'ordine dovrà rispondere di violenza, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA