Willy, il fratello di Marco e Gabriele Bianchi da Barbara D'Urso: «So chi è stato a ucciderlo, chi ha sbagliato deve pagare»

Mercoledì 9 Settembre 2020 di Emiliana Costa
Willy, il fratello di Marco e Gabriele Bianchi da Barbara D'Urso: «So chi è stato a ucciderlo, chi ha sbagliato deve pagare»

Willy, il fratello di Marco e Gabriele Bianchi da Barbara D'Urso: «So chi è stato a ucciderlo, chi ha sbagliato deve pagare». Oggi, Alessandro, fratello di Marco e Gabriele Bianchi - due dei quattro ragazzi arrestati con l'accusa di concorso in omicidio preterintenzionale per la morte di Willy Monteiro - è stato intervistato a Pomeriggio 5, in collegamento da Colleferro.

Leggi anche > Barbara D'Urso in lacrime per Willy a Pomeriggio 5

Ecco la testimonianza di Alessandro Bianchi: «Quando abbiamo saputo che è morto Willy è stato tremendo, il mio pensiero va alla sua famiglia. Quella maledetta sera, i miei fratelli non erano lì. Sono stati chiamati da altre due persone per andare via perché stava scoppiando una rissa. Chi ha sbagliato deve pagare, ma devono pagare tutti. Nei giorni passati si è parlato solo dei miei fratelli, ma se è hanno sbagliato in quattro in quattro devono pagare. In passato, Marco e Gabriele sono stati coinvolti in due scazzottate in dei locali, ma mai qualcosa di questa gravità. Io li conosco bene, non avrebbero mai attaccato un ragazzo così fragile. La nostra famiglia è distrutta». 

Barbara D'Urso sottolinea come nessuno abbia aiutato Willy e lo abbiano lasciato a terra agonizzante. «Non credo - continua Alessandro Bianchi - che si siano accorti del disastro che era accaduto. È sbagliatissimo che non abbiano chiamato nessuno. Io li ho visti dopo e non credo si fossero resi conto della tragedia. Sono arrivati tutti e quattro nel mio locale con i carabienieri e io ho sentito i carabinieri dire a uno degli altri due ragazzi di prendersi le sue responsabilità». Poi Alessandro conclude: «Willy è stato spintonato, è caduto a terra e una delle persone gli ha dato dei calci in faccia. Non posso dire il nome, ma non sono stati i miei fratelli. Cose da bestie. Ci sono i testimoni che dicono questo, è una cosa schifosa». 

Ultimo aggiornamento: 21:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche