Willy, i fratelli Bianchi in carcere rischiano il linciaggio: «In celle protette dopo lite con un detenuto»

Martedì 22 Settembre 2020
Willy, i fratelli Bianchi in carcere rischiano il linciaggio: «In celle protette dopo lite con un detenuto»

Dalle celle anti-Covid a quelle di isolamento precauzionale: i fratelli Marco e Gabriele Bianchi, in carcere per l'omicidio di Willy Monteiro Duarte, accusati insieme a Mario Pincarelli e Francesco Belleggia (che invece è ai domiciliari) sono stati trasferiti nel braccio G9 al primo piano del carcere romano di Rebibbia. Una parte della prigione chiamata «degli infami» dagli altri detenuti: qui infatti viene destinato chi si macchia di reati sessuali o gli ex poliziotti o militari, spiega Alessia Marani sul quotidiano Il Messaggero.

Leggi anche > Carolina Crescentini in carcere per fiction: «Quei ragazzi mi hanno spezzato il cuore»

I fratelli Bianchi non rientrano in queste ultime categorie, ma la condivisione di spazi comuni sarebbe stata considerata rischiosa per loro e per gli altri: nei primi giorni di reclusione si sarebbero infatti già fatti riconoscere per un'aggressione a un detenuto marocchino, denunciata dalla figlia di quest'ultimo. La direzione del carcere li ha perciò messi in isolamento anche per evitare problemi, dato che, scrive Il Messaggero, rischierebbero il linciaggio per mano degli altri detenuti: «I due sono stati trasferiti nel G9 sotto stretta sorveglianza», ha confermato il garante per i detenuti del Lazio Stefano Anastasia.

Ultimo aggiornamento: 15:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA