Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Variante Omicron in Italia, il ministero alle Regioni: «Rafforzare tracciamento e sequenziamento»

Variante Omicron in Italia, il ministero alle Regioni: «Più tracciamento e sequenziamento»
Variante Omicron in Italia, il ministero alle Regioni: «Più tracciamento e sequenziamento»
3 Minuti di Lettura
Sabato 27 Novembre 2021, 10:14 - Ultimo aggiornamento: 28 Novembre, 14:36

Variante Omicron in Italia, il ministero chiede alle Regioni di rafforzare il tracciamento e il sequenziamento ma specifica: mancano ancora dati. In via precauzionale, in seguito all'arrivo della variante Omicron proveniente dal Sudafrica, il ministero della Salute, raccomanda in una circolare firmata dal direttore della prevenzione Gianni Rezza, inviata alle Regioni, di rafforzare e monitorare le attività di tracciamento e sequenziamento in caso di viaggiatori provenienti da Paesi o in caso di focolai caratterizzati da rapido ed anomalo incremento di casi e applicare tempestivamente e scrupolosamente le misure già previste previste per la quarantena e l'isolamento già previste per la variante Delta.

Leggi anche > Olanda, 61 positivi provenienti dal Sudafrica: si indaga su Omicron

Il gruppo indipendente di esperti OMS «Technical Advisory Group on SARS-CoV-2 Virus Evolution (TAG-VE)» ha classificato la variante B.1.1.529 come VOC (Variant of Concern), attribuendo la denominazione di variante Omicron, spiega Rezza nella circolare. È finora rilevata in Botswana (6), Sud Africa (59), Hong Kong (2) e Israele (1) secondo i dati riportati nel database GISAID EpiCoV. In Belgio è stato identificato un caso di SARS-Cov-2 da variante B.1.1.529 in una giovane donna che ha sviluppato i sintomi 11 giorni dopo aver viaggiato in Egitto via Turchia.

Leggi anche > No-vax, rabbia in chat dopo le ultime restrizioni: «Basta pacifismo»

«Si teme che l'elevato numero di mutazioni della proteina spike possa portare a un cambiamento significativo delle proprietà antigeniche del virus, ma finora non sono state effettuate caratterizzazioni virologiche e non ci sono prove di modificazioni nella trasmissibilità, nella gravità dell'infezione, o nella potenziale evasione della risposta immunitaria», si legge nella circolare firmata dal direttore alla prevenzione del ministero della Salute Gianni Rezza alle Regioni sulla variante Omicron. Questa caratteristica può essere utilizzata per una rapida identificazione se non vi sia contemporanea circolazione di altre varianti simili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA