Vaccino, perse 800 dosi per un frigo-congelatore guasto a Forlì. I Nas in ospedale

Sabato 16 Gennaio 2021

La Procura della repubblica di Forlì ha aperto un fascicolo sulla vicenda delle 800 dosi di vaccino anti-Covid di Moderna andate deteriorate all'ospedale Morgagni-Pierantoni di Forlì per il malfunzionamento di un frigo-congelatore dove se ne trovavano 1500 in totale. Titolare del fascicolo la sostituto procuratore Federica Messina che sta coordinando le indagini affidate ai carabinieri del comando di Forlì e ai Nas. L'ipotesi di reato più plausibile, in attesa che si chiarisca l'accaduto, al momento pare l'omissione di atti d'ufficio a carico di uno o più responsabili dei sistemi di controllo e sicurezza della struttura sanitaria ospedaliera.

 

 

I carabinieri del Nas di Bologna hanno sequestrato il frigorifero-congelatore dell'ospedale di Forlì dove erano stoccati i vaccini Moderna in parte resi inutilizzabili da un guasto avvenuto nella notte tra giovedì e venerdì. Sequestrate altresì le 800 dosi di siero deperite in seguito all'incidente. È l'esito dei sopralluoghi che i Nas hanno effettuato questa mattina sia all'ospedale Morgagni Pierantoni, sia al laboratorio di Pieve Sestina dove sono stati spostati i vaccini non più idonei alla somministrazione. Gli accertamenti sul frigorifero serviranno ad appurare eventuali problematiche di natura tecnica dell'apparato. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA