Trova la nipotina appartata con un ragazzo: rissa e sparatoria tra lo zio e i parenti di lui

Si contano due feriti, padre e figlio di 44 e 17 anni, trasportati all’ospedale

Lunedì 10 Gennaio 2022
Lo zio di una ragazzi, residenti a Palermo, non ha gradito le effusioni intimi con un coetaneo: rissa fra le due famiglie

Discussione sfociata in una sparatoria. È quanto successo a Belmonte Mezzagno, in provincia di Palermo, nella notte tra l'8 e il 9 gennaio, dove un 52enne è stato fermato dai carabinieri con l'accusa di detenzione illegale di arma clandestina e munizionamento. Secondo quanto ricostruito finora, l'uomo non avrebbe gradito le effusioni di sua nipote con un ragazzo. 

 

Leggi anche - Crolla a terra davanti agli occhi della moglie: addio al dottor Anselmo Fabris

 


L'uomo fermato, insieme a un’altra persona, sarebbe stato coinvolto in una lite, poi degenerata.

Sembra, infatti, che una coppia di giovani ragazzi si era appartata in via Piersanti Mattarella, quando è stata sorpresa dallo uno zio della ragazza, che avrebbe sgridato duramente il ragazzo. Quest'ultimo, avrebbe chiamato in suo aiuto il padreintervenuto sul posto insieme ad altri familiari.

Dalle offese verbali si è passati alle mani, finchè uno dei parenti ha tirato fuori un'arma e ha esploso alcuni colpi. Si contano due feriti, padre e figlio di 44 e 17 anni, trasportati all’ospedale Civico da alcuni parenti per essere medicati. Non sono in pericolo di vita.

Sul posto sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Misilmeri che stanno indagando per fare luce sull'accaduto. Trovati la pistola con matricola abrasa, nella disponibilità di uno degli indagati che aveva tra l’altro cercato di disfarsene, e dieci proiettili calibro 22. Le indagini sul duplice ferimento sono coordinate dalla procura di Termini Imerese.

 

Ultimo aggiornamento: 11 Gennaio, 15:08 © RIPRODUZIONE RISERVATA