Sicilia, tromba d'aria e strade allagate: famiglie bloccate e scuole chiuse

Nel Palermitano uno smottamento di terra e fango lungo la strada provinciale 8 ha mandato in tilt la circolazione

Sicilia, tromba d'aria e strade allagate: famiglie bloccate e scuole chiuse
3 Minuti di Lettura
Martedì 9 Novembre 2021, 22:19 - Ultimo aggiornamento: 23:21

Una nuova ondata di maltempo si è abbattuta oggi sulla Sicilia, con fango e detriti sulle strade e una tromba d'aria che ha sradicato ulivi secolari. La pioggia battente che da ore cade sull'isola e i violenti nubifragi hanno creato danni e disagi da una parte all'altra della Regione. A Gangi nel Palermitano, per l'esondazione del torrente Rainò due famiglie sono rimaste bloccate nelle loro abitazioni. Acqua, fango e detriti hanno invaso le strade a Scillato, mentre a Valledolmo uno smottamento di terra e fango lungo la strada provinciale 8 in contrada Rovitello ha mandato in tilt la circolazione. Allagamenti e strade trasformate in fiumi anche a Lascari e a Cefalù, dove si è riempito d'acqua il sottopasso davanti l'hotel Costa Verde. 

Leggi anche > Palermo, muore in ospedale e i familiari devastano il pronto soccorso:«Scene da far west»

Non va meglio in provincia di Caltanissetta. A Serradifalco una tromba d'aria ha sradicato ulivi secolari lungo la statale 122; mentre stamani il tratto ferroviario tra la statale 640 e il passaggio a livello di Serradifalco è rimasto interrotto; così come il collegamento lungo la statale 122 tra Canicattì e Caltanissetta in contrada Salice.

Acqua sui binari anche nella tratta Roccapalumba-Montemaggiore Belsito, dove si è registrato uno stop ai treni, così come nella zona Serradifalco - Canicattì. Disagi alla viabilità anche lungo la statale 643 tra Polizzi Generosa e Scillato, mentre è stata chiusa la SS 640 in direzione del raccordo Pietraperzia. Nella provincia di Enna, tra Barrafranca, Pietraperzia ed Aidone, vengono segnalati disagi alla circolazione e numerosi allagamenti.  

A causa delle avverse condizioni meteo previste per domani con livello di allerta arancione il sindaco di Canicattì (Agrigento), Vincenzo Corbo, ha disposto con ordinanza la chiusura di tutte le scuole, pubbliche e private, del territorio. Interdette, inoltre, tutte le aree a potenziale rischio: ville, giardini pubblici, parchi gioco, impianti sportivi all'aperto e cimitero. E ancora l'uso di tutti i locali interrati e seminterrati; il transito pedonale e veicolare nei pressi di aree a rischio allagamenti e l'attraversamento dei fiumi e dei valloni. Disposta anche la sospensione di tutte le manifestazioni pubbliche e private e delle attività commerciali all'aperto. «Si esorta la cittadinanza di adottare tutte le misure di sicurezza necessarie - dice il sindaco -, evitando il transito pedonale e veicolare nelle zone soggette ad allagamenti usando percorsi alternativi; di uscire di casa solo per casi di estrema necessità; di prestare attenzione a eventuali ulteriori annunci diramati dalle autorità competenti attraverso i canali di informazione istituzionale, nazionale e locale. Le disposizioni sono valide fino alle 24 di domani.

© RIPRODUZIONE RISERVATA