Maltempo, tromba d'aria in Trentino: «Scoperchiata una scuola». Allerta e danni in quasi tutto il Nord

Martedì 13 Luglio 2021
Maltempo, tromba d'aria in Trentino: «Scoperchiata una scuola». Allerta e danni in quasi tutto il Nord

Nord Italia nella morsa del maltempo. Forti temporali si sono abbattuti nel pomeriggio su Bolzano, con una trentina di interventi dei vigili del fuoco soprattutto per allagamenti: in via Cesare Battisti, dove sono in corso lavori per la posa del teleriscaldamento, a causa delle forti precipitazioni si è formato un laghetto. Sull’alto Garda trentino si è abbattuta poi una tromba d’aria: in provincia di Trento la tromba d’aria ha scoperchiato il tetto di una scuola media ad Arco, mentre a Riva del Garda alcune barche si sono schiantate sul molo.

 

Disagi anche in Piemonte: piogge torrenziali nel Verbano-Cusio-Ossola, provincia più a nord del Piemonte. Nelle ultime 24 ore la rete meteo di Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha misurato 157,8 millimetri di acqua a Formazza, 149,89 a Montecristese, 122 a Crodo, dove tre famiglie sono rimaste isolate per lo straripamento del fiume Toce. Nubifragi anche nella zona del Lago Maggiore: a Cannobio sono caduti 83,6 mm di pioggia in tre ore. 

 

Il maltempo di queste ore sta colpendo anche le valli Antigorio e Formazza, nell'alta Ossola. A Crodo (VCO) tre famiglie sono rimaste isolate perché che il fiume Toce è uscito dagli argini nella frazione di Verampio. L'acqua ha anche allagato l'esterno di una centrale idroelettrica. La pioggia intensa ha fatto cadere terra e massi a Foppiano, frazione di Formazza (VCO) mentre una frana è scesa sulla provinciale che da Baceno sale all'alpe Devero. L'allerta gialla per i temporali in Piemonte resta per tutta la giornata di oggi, con forti precipitazioni previste anche in pianura, e domani, rima di una breve pausa. Un nuovo impulso di maltempo è atteso per la giornata di venerdì.

 

Codice giallo in Toscana, piogge a Prato

 

In Toscana codice giallo per mareggiate dalle 20 di oggi, martedì 13 luglio, fino alle ore centrali di domani, 14 luglio, sulla costa. L'allerta per le mareggiate interessa la costa, nella parte centrale della regione fino alla Versilia e alle isole. Dal pomeriggio di oggi sono previste forti raffiche di Libeccio nell'Arcipelago soprattutto settentrionale, sul litorale centrale, e sui versanti emiliano romagnoli dell'Appennino.

 

Forti piogge e vento si sono abbattuti sulla provincia di Prato poco dopo le 12 e sono state decine le chiamate ai vigili del fuoco e oltre 50 le richieste di intervento per alberi caduti, rami, comignoli e gronde pericolanti. In supporto alle squadre pratesi sono accorse anche altre due squadre giunte dai comandi di Pistoia e Lucca. Alle 13:30 i vigili sono stati chiamati anche per un principio di incendio in una veranda di un appartamento al terzo piano di un condominio di via Giraldi, Le fiamme non si sono propagate all'interno dell'abitazione limitando i danni al solo terrazzo. L'avvenimento non sarebbe stato causato dal maltempo ma l'intervento ha drenato ovviamente energie al comando pratese. Alle 15:30, infatti, erano ancora 35 le chiamate in attesa di intervento per il maltempo.

 

Allerta arancione in Veneto, gialla in Friuli

 

La Protezione Civile del Veneto ha emesso oggi un avviso di criticità idrogeologica, con particolare riferimento alla rete idraulica secondaria, dalle 14.00 di oggi fino alla mezzanotte di domani, con lo stato di attenzione (allerta arancione). Dalle ore 00.00 alle ore 8.00 di domani permarrà l'allerta idrogeologica su rete secondaria e geologica «gialla» su tutte le aree di allerta. Il possibile verificarsi di rovesci o temporali, localmente anche intensi, potrebbe creare disagi al sistema fognario e lungo la rete idrografica minore.

 

Anche la Protezione civile del Friuli Venezia Giulia ha diramato un'allerta meteo, ma stavolta di color giallo, valida da oggi pomeriggio fino alle 6 di domani, per piogge, temporali e vento previsti nelle prossime ore sulla regione. Una depressione proveniente dalla Francia - si legge nell'avviso - si sposta verso il Nord Italia e dal pomeriggio interesserà anche il Triveneto, determinando l'afflusso di correnti mediterranee umide e instabili, inizialmente sui monti e zone occidentali della regione. In serata, col passaggio del fronte associato alla depressione, l'instabilità sarà più diffusa per poi attenuarsi nel corso della notte.

 

Nel pomeriggio sono possibili temporali con piogge anche intense, più probabili sulla zona montana e in genere a ovest, meno sulle altre zone; sulla costa soffierà Scirocco moderato, sui monti vento sostenuto da sud specie in quota. Dal tardo pomeriggio e fino a tarda sera temporali più diffusi, specie sui monti e su alcune zone della pianura, meno frequenti sulla costa orientale. Per tutto il periodo, dal pomeriggio e fino alla notte, qualche temporale potrà essere forte. Nel notte probabilmente le piogge e i temporali saranno progressivamente meno frequenti e meno intensi. Il verificarsi di tali eventi - avverte la Protezione civile - può comportare locali situazioni di crisi nella rete idrografica minore e di drenaggio urbano, locali fenomeni di instabilità dei pendii con locali interruzioni della viabilità e problematiche connesse ai possibili colpi di vento durante i temporali.

Ultimo aggiornamento: 20:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA