Torino, Orlando Merenda morto a 18 anni: ora si indaga per istigazione al suicidio. «Non è omofobia ma un ricatto»

Martedì 29 Giugno 2021
Orlando, morto a 18 anni: ora si indaga per istigazione al suicidio. «Non è omofobia ma un ricatto»

Orlando Merenda aveva solo 18 anni: domenica scorsa, 20 giugno, si è tolto la vita gettandosi sotto un treno. Una tragedia inizialmente imputata ad omofobia e bullismo, ma la storia potrebbe essere leggermente diversa e più complicata: Orlando, scrive oggi il Corriere della Sera, voleva andare via da Torino e presto avrebbe raggiunto sua madre in Calabria. 

 

Leggi anche > Saman Abbas, la nuova pista: «Ricerche in un bosco». Del corpo ancora nessuna traccia

 

Il giorno prima del suicidio era andato a lavoro per uno stage programmato dalla sua scuola, in un bar della città: «Era più silenzioso del solito. Era un ragazzo tranquillo», ha detto la cameriera al Corriere. «Era riservato. Professionalmente una persona seria: puntale e preciso», spiega Ivan, il titolare del locale, sconvolto per quanto accaduto. «Lo stage era finito, ma gli proposi di lavorare all’ora dell’aperitivo. Rifiutò, disse che doveva raggiungere la mamma in Calabria».

 

Orlando Merenda, suicida a 18 anni

 

Ma in Calabria, Orlando non ci è mai andato: il giorno dopo, per motivi ancora da capire, si è tolto la vita. Orlando sui social non nascondera i propri orientamenti sessuali, ignorando le «menti chiuse che hanno la bocca aperta», come scriveva lui stesso su Instagram. Ma se inizialmente, scrive il Corsera, gli accertamenti si erano concentrati su omofobia e bullismo, ora i pm ipotizzano il reato di istigazione al suicidio. «Ultimamente era turbato e aveva paura di qualcuno», avrebbe spiegato il fratello Mario, mentre tra gli amici qualcuno parla di «un brutto giro» o di «un ricatto». Ma di chi aveva paura, e chi era che lo ricattava e per cosa? Domande a cui gli inquirenti stanno cercando di rispondere, nella ricerca della verità dietro la morte di un giovane di soli 18 anni.

Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 16:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA