Stefano Vespa, la vergogna no vax: «Un'altra morte improvvisa, ha creduto al vaccino senza avere il tempo di pentirsi»

Pochi commenti sui social, ma alcuni assolutamente irrispettosi e utili alla narrazione no vax. E c'è chi tira in ballo il fratello Bruno e la posizione di Gianni Rivera

Stefano Vespa, la vergogna no vax: «Un'altra morte improvvisa, ha creduto al vaccino senza avere il tempo di pentirsi»
Stefano Vespa, la vergogna no vax: «Un'altra morte improvvisa, ha creduto al vaccino senza avere il tempo di pentirsi»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 9 Marzo 2022, 13:00 - Ultimo aggiornamento: 10 Marzo, 18:13

Una vergogna “contenuta”, almeno dal punto di vista quantitativo, ma comunque sempre una vergogna e per questo da stigmatizzare. La narrazione no vax sui social non ha lasciato pace né rispetto neanche nei confronti di Stefano Vespa, giornalista e fratello minore di Bruno, morto ieri a 64 anni.

Leggi anche > Morto Stefano Vespa, giornalista e fratello del conduttore Rai Bruno: aveva 64 anni

A stroncare Stefano Vespa, in passato giornalista e caporedattore de Il Tempo e Panorama e collaboratore di Formiche, è stato un malore improvviso. Proprio questo è stato un aspetto colto al balzo da alcuni profili no vax su Twitter. C'è chi lo sottolinea così: «Una strage di malori improvvisi, cercateli tutti su Google: fa paura...».

In molti, infatti, hanno voluto collegare il malore fatale occorso a Stefano Vespa e la vaccinazione contro il Covid. Come chi scrive, rispondendo ad un tweet del giornalista pubblicato appena una settimana fa, «C'è chi ha creduto al siero magico, qualcuno non ha avuto il tempo di pentirsene» e chi invece, ironicamente, commenta così: «Nessuna correlazione». C'è anche chi, accanto all'espressione «malore fatale», inserisce l'emoji della siringa.

C'è una chiara ed evidente ragione dietro questa vergognosa speculazione sulla morte di Stefano Vespa: attaccare il fratello Bruno. Il conduttore di Porta a Porta, infatti, si è speso in prima persona a favore dei vaccini e infatti non mancano dei tweet che lo attaccano: «Ora faccia vedere la V di vaccino, non si salverà nessuno».

Sempre sul fronte degli attacchi, irrispettosi perfino di un grave lutto, contro Bruno Vespa, molti utenti hanno ricordato la polemica con Gianni Rivera. L'ex calciatore del Milan, infatti, aveva detto di non volersi vaccinare per mancanza di fiducia e oggi viene incensato dai no vax: «A Bruno Vespa vanno le condoglianze, ma potrà riflettere sulle parole di Rivera». E ancora: «Cosa diceva Bruno Vespa a Gianni Rivera?».

© RIPRODUZIONE RISERVATA