Statali, per i dipendenti ministeriali aumenti di stipendio fino a 10mila euro nel 2022

Per 140mila dipendenti ministeriali previsti aumenti in busta paga, fino a 10mila euro: ecco perché

Domenica 20 Febbraio 2022
Statali, per i dipendenti ministeriali aumenti di stipendio fino a 10mila euro nel 2022

Statali, per i dipendenti dei Ministeri previsto un notevole aumento in busta paga nel 2022: fino a 10mila euro. Dal mese di marzo, infatti, gli stipendi aumenteranno per la combinazione di più fattori: l'adeguamento delle indennità ministeriali e il rinnovo del contratto nazionale che prevede anche il versamento degli arretrati dovuti, comprese le indennità una tantum accumulate nel tempo.

 

Leggi anche > Assegno unico e nuova Irpef: fino a 1.900 euro per le famiglie più povere. Tutto quello che c'è da sapere

 

Statali, il decreto del Governo

Il Governo a breve dovrebbe pubblicare un decreto che vada a colmare il gap retributivo con altre articolazioni ministeriali. Avrà efficacia a regime per il 2022 ma sono previsti incrementi percentuali anche per gli anni 2020 e 2021 (per cui saranno corrisposti arretrati). Nel documento dell'Esecutivo ci sono delle tabelle per la perequazione delle indennità di amministrazione: più alti gli aumenti per i dipendenti del Ministeri della Salute, degli Esteri, del Miur e delle Politiche agricole. Aumenti inferiori per i Ministeri dello Sviluppo economico, dell'Interno e della Transizione ecologica. Lo riporta il Corriere della Sera.

 

Statali, pesa il rinnovo del contratto

Gli aumenti in busta paga per i ministeriali saranno il risultato anche del rinnovo del contratto collettivo nazionale, che riguarda 225mila dipendenti pubblici. L'incremento medio è di 1625 euro, spalmati su 13 mensilità, a cui vanno sommati anche gli arretrati contrattuali medi, pari a circa 1800 euro ma molto variabili a seconda dei casi.

 

Statali, tutti i fattori dell'aumento

Gli aumenti in busta paga per i ministeriali potranno arrivare ad un massimo di 10.458 euro all'anno. Di questi, 63 euro al mese sono dovuti alle mansioni operative, cifra che arriva a 180 euro lordi al mese con l'incrocio di contratto e il decreto perequativo. La cifra annuale diventa di 2.340 euro lordi e può aumentare fino a quasi 4000 euro se si sommano gli arretrati una tantum. I vertici avranno gli aumenti più consistenti: 302 euro al mese, più fino a 6.532 euro di arretrati per i «dipendenti con elevate professionalità».

© RIPRODUZIONE RISERVATA