Attenzione: lo spyware “Pegasus” si infiltra nel cellulare e ruba foto, contatti e chat

Lunedì 19 Luglio 2021
Viola la privacy e ruba informazioni: il software Pegasus è un pericolo

Registra chiamate, copia i messaggi, e filma di nascosto: è lo spyware Pegasus, il software più potente mai sviluppato. Secondo quanto riporta il The Guardian, il programma sembra che si infiltri nel cellulare e attivi una sorveglianza h24.

 

Lo spyware di hacking, ideato dalla società israeliana NSO Group è stato commercializzato e concesso in licenza ai governi di tutto il mondo. Il software sembrerebbe violare la privcay in ogni modo. Può anche prendere le foto dalla gallery, filmare attraverso la fotocamera interna del telefono o registrare le conversazioni attivando il microfono, nonchè individuare la posizione in tempo reale e le persone incontrate durante il percorso. In questo modo, infetterebbe miliardi di telefoni sia iOS che Android. 

 

La prima versione di Pegasus è stata scoperta e catturata dai ricercatori nel 2016, dato l'alto numero di telefoni infetti con lo spear-phishing (messaggi contenenti un link dannoso su cui cliccare). Con il tempo, le capacità del software sono aumentate e possono infettare con gli attacchi "zero - click", senza che il proprietario del telefono possa accorgersene. Nel 2019, WhatsApp ha scoperto che Pegasus era stato usato per inviare virus attraverso lo stesso procedimento. 

 

Negli ultimi tempi, sembra che lo spyware abbia puntato la vulnerabilità iMessage e Apple: l'azienda ha affermato di aggiornare continuamente il proprio software per prevenire gli attacchi. 

 

«Le cose stanno diventando molto più complicate da notare » afferma Claudio Guarnieri, gestore dell'Amnesty Lab di Berlino, che ha avviato un'approfondita ricerca sul software. Il team di Gurnieri ha scoperto attacchi riusciti da parte di clienti Pegasus su iPhone nel luglio 2021. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA