Ucraina, sposi nell'acciaieria Azovstal di Mariupol sotto le bombe: lui muore tre giorni dopo nell'attacco russo

Moglie combattente posta le foto del matrimonio

Giovedì 12 Maggio 2022
Sposi nell'acciaieria Azovstal sotto i bombardamenti, lui muore tre giorni dopo nell'attacco russo

Entrambi combattenti ucraini si sono sposati nei sotterranei dell'acciaieria Azovstal di Mariupol il 5 maggio. Ma dopo tre giorni lui è rimasto ucciso durante un assalto dei soldati russi. È la tragica storia di Valeria Karpilenko, chiamata Nava, e Andriy detto "Barba".

 

 

 

​Sposi nell'acciaieria Azovstal sotto i bombardamenti

Ora Valeria ha raccontato su Instagram la sua storia d'amore nell'inferno dell'acciaieria accerchiata da settimane. La vicenda è stata riportata dall'agenzia Unian. Nava ha detto che lei e il marito sono riusciti ad essere felici per tre giorni, nonostante tutto. Al matrimonio si sono scambiati due fedi improvvisate, fatte con la carta stagnola e mostrate nelle foto pubblicate sul social, alla presenza degli altri difensori dell'acciaieria. «Sei stato il mio legittimo marito per tre giorni. E sei stato il mio amore per l'eternità. Mio caro, premuroso, coraggioso ... sei stato e sei il migliore», ha scritto Valeria, «siamo riusciti a sposarci. Siamo riusciti ad essere felici. Non siamo riusciti a stare insieme. Ti amerò per sempre, mio eroe». Nelle foto postate su Instagram, i due sposi nell'uniforme militare si tengono stretti davanti all'obiettivo. Mostrano le mani con le fedi. Valeria con gli occhi e i capelli scuri, Andriy fa un sorriso triste, premonitore.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA