Funivia Mottarone, il video choc. Il sociologo Ferrigni: «Si innesca una spirale di morbosità perversa»

Giovedì 17 Giugno 2021 di Valeria Arnaldi
Nicola Ferrigni

Nicola Ferrigni, sociologo Link Campus University, video come quello della funivia vanno mandati in onda?

«Per me no, si avvia un processo di spettacolarizzazione delle tragedie. Che motivo può esserci per pubblicare tali video se non per fare clic? Doveva rimanere materiale per chi segue le indagini. Purtroppo, rientra nel discorso di mettere in piazza le tragedie ed esporle ai commenti della gente. Ci sono video violenti che possono essere utili, non questo».

 

Tragedia Mottarone, il video choc degli ultimi 24 secondi della funivia: esplode la rabbia su internet

 

Funivia Mottarone, il video choc. Anzaldi: «Sacrosanto il diritto di cronaca, ma la tv deve tutelare tutte le sensibilità»

 

Perché tanti clic?

«Siamo attratti dal macabro, è nella natura umana. Il rischio è che si inneschi una spirale perversa. Un video del genere insegue i clic ma tale violenza spingerà ad andare sempre oltre, fino a funerali con il defunto nella bara. Questa è la scena di più morti in diretta. E quel video non è nato sul web, è stato diffuso dall’informazione. Serve etica. Andava censurato».

Ultimo aggiornamento: 09:20 © RIPRODUZIONE RISERVATA