Sesso e coronavirus, Matteo Bassetti smentisce Fabrizio Pregliasco: «Fa bene, basta misure ipocrite»

Venerdì 23 Ottobre 2020
Sesso e coronavirus, Matteo Bassetti smentisce Fabrizio Pregliasco: «Fa bene, basta misure ipocrite»

Sesso normale, con la mascherina o astinenza completa? Sull'amore ai tempi del coronavirus si parla tanto. Da Matteo Bassetti,  direttore della Clinica di Malattie infettive dell'ospedale San Martino di Genova e componente della task force Covid-19 della Liguria, arriva l'invito a non astenersi. «Credo che il sesso tra conviventi sia giusto da farsi perché fa bene alla salute, fa bene all'organismo e fa bene alla psiche, e in questo momento noi abbiamo tanto bisogno di far bene alla psiche».

 

Leggi anche > Il virologo Fabrizio Pregliasco, il covid e il sesso a un Giorno da Pecora: «Invito tutti all'astinenza in questo momento»

 

E anche per i fidanzati non conviventi che si vedono tutti i giorni «non ci siano grandi problemi». L'esperto  dice «no alle misure ipocrite» durante il suo intervento a 'Un giorno da pecora' su Rai Radio 1. «Mi sono fatto una grassa risata - ha detto il medico - quando nella prima fase dell'emergenza Sars-CoV-2 ho visto che il Canada aveva fatto un protocollo secondo cui per fare sesso con chi non conosci devi metterti la mascherina e non si menzionava il preservativo».

 

«È come dire 'vai tranquillamente senza preservativo, e ti puoi prendere l'Hiv e tutte le altre malattie sessualmente trasmissibili, però mettiti la mascherina'. Bisogna sicuramente mettersi il preservativo, mentre sulla mascherina, se non conosci una persona, sarebbe bene magari che tu non ci avessi neanche rapporti sessuali».

 

Sul fronte opposto, invece, Pregliasco sconsiglia anche il sesso con conviventi. «È il suo pensiero e io non commento più i pensieri dei colleghi», risponde Bassetti ai conduttori che gli riferiscono il monito lanciato ieri in trasmissione dal virologo dell'università Statale di Milano. E sul suggerimento Usa in base al quale il partner più sicuro è se stesso aggiunge: «Lo dicono in America? Contenti loro...».

© RIPRODUZIONE RISERVATA