Infermiere muore nel sonno, Alessandro aveva 35 anni. Da ragazzo perse la mamma uccisa dal padre

Infermiere muore nel sonno a Senigallia, aveva 35 anni. Da ragazzo perse la mamma uccisa dal padre
Infermiere muore nel sonno a Senigallia, aveva 35 anni. Da ragazzo perse la mamma uccisa dal padre
3 Minuti di Lettura
Martedì 24 Maggio 2022, 10:58 - Ultimo aggiornamento: 25 Maggio, 19:53

SENIGALLIA - Un giovane infermiere è stato trovato morto ieri mattina nella sua abitazione di Bettolelle. Si tratta di Alessandro Limoncelli. Aveva 35 anni. E’ stato un familiare a trovarlo privo di vita nel suo letto, dove era andato a chiamarlo non vedendolo ancora. Domenica sera era andato a dormire e non si è più svegliato.

Suicida Luca, il marito della biker Jojo: aveva perso la moglie due giorni fa

La tragedia si è consumata nella sua abitazione lungo l’Arceviese di Senigallia nella frazione di Bettolelle, a pochi metri dal centro abitato di Casine di Ostra. Sul posto si è recata una volante del Commissariato che sulla sua morte sta indagando. Nella sua stanza non è stato trovato nulla che potesse giustificare il decesso. La salma è stata trasferita all’obitorio dell’ospedale cittadino in attesa dell’autopsia che verrà svolta forse già oggi.

Pilota d'aereo ha un infarto in volo: riesce ad atterrare e muore

Vista la giovane età del deceduti, come avviene di routine, sono stati disposti accertamenti. Alessandro Limoncelli lavorava all’ospedale di Pergola. Era nato il 16 settembre 1986 a Fossombrone e aiutava il fratello che ha un’attività in centro storico a Senigallia. L’adolescenza di Alessandro era stata segnata da un grave lutto. Nel 2000 il padre aveva ucciso, accoltellandola, la madre e si era ritrovato, insieme al fratello, a crescere senza più i genitori. Ciò, nonostante, aveva seguito i suoi sogni ed era diventato un infermiere, per mettersi a disposizione degli altri e aiutare chi ne aveva bisogno.

Macerata, famiglia trovata senza vita nella villa: uomo colpito da malore, moglie e figlio morti di stenti (trovati deceduti dopo 2 mesi)

Era un ragazzo molto generoso. Il padre David, operaio, aveva ucciso la madre Giuliana Bassotti, dipendente della Provincia di Ancona, una mattina mentre Alessandro e il fratello erano a scuola. A distanza di tanti anni la sua giovane vita si è spezzata, lasciando tutti increduli. Alessandro era un ragazzo allegro, di compagnia, amante della vita nonostante il dramma vissuto in adolescenza. La notizia in città si è diffusa solo ieri sera. Molti amici avevano provato a contattarlo ma non si collegava ai social dalle 22 di domenica. Strano per un ragazzo così dinamico che li utilizzava spesso per comunicare.

Malore improvviso a 41 anni: addio ad Ambra Pavanello, mamma di due gemelline

© RIPRODUZIONE RISERVATA