Michele, scomparso da due settimane. L'appello disperato della madre: «Ti prego, fatti sentire»

Le ricerche continuano, anche con unità cinofile e mezzi speciali

Mercoledì 26 Gennaio 2022
Dal 15 gennaio, Michele Cilli non ha fatto più ritorno a casa. Ora, la madre invoca aiuto e fa un appello

«Non dormo la notte, se qualcuno sa qualcosa, ce lo faccia sapere, se non direttamente a me, alle autorità, ma portatemi mio figlio»: è l'appello disperato di Maria Comitangelo, mamma di Michele Cilli, il ragazzo di 24 anni scomparso da Barletta da due settimane senza lasciare alcuna traccia. Ai microfoni di "Chi l'ha visto?", in onda questa sera, Maria ha ribadito di avere ancora la speranza di poter ritrovare in vita il figlio, seppur «non è dal lui allontanarsi e non farsi sentire». 

 

Leggi anche > Tentata estorsione a un imprenditore di Ostia: arrestati De Santis "er Nasca" e Paolo Papagni

«Ti prego, se mi stai sentendo, guardando, ascoltando ti prego fatti sentire» ha dichiarato la donna rivolgendosi al figlio.

 

Dal 15 gennaio Michele è scomparso, dopo una festa in centro città. Finora le ricerche di Polizia, Vigili del Fuoco e Protezione Civile in pozzi e casolari di campagna non hanno dato esito ma le ricerche continuano, anche con unità cinofile e mezzi speciali, soprattutto nella zona litoranea di Ponente a Barletta.

 

L'auto con cui aveva raggiunto il locale è stata ritrovata dove l’aveva lasciata e, all’interno, il suo giubbotto e le chiavi di casa. L'ultimo avvistamento è stato su una vettura di un suo conoscente intorno all'1.30 della notte tra il 14 e il 15 gennaio. La vettura è stata vista dirigersi verso la zona della Fiumara dove pure si sono concentrate le ricerche ma anche qui senza successo. La vettura è stata sequestrata e sono in corso analisi dei reparti della scientifica mentre il proprietario ha riferito di non aver più visto il 24enne. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA