Sara morta a 26 anni, i no vax non credono all'overdose: «Colpa del vaccino, troppi malori tra i giovani»

Ancora prima dell'esito dell'autopsia, tanti utenti collegano il decesso della modella al vaccino anti-Covid (senza sapere se fosse effettivamente vaccinata)

Sara Pegoraro, i no vax sulla modella morta di overdose: «Malore improvviso? Colpa del vaccino»
Sara Pegoraro, i no vax sulla modella morta di overdose: «Malore improvviso? Colpa del vaccino»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 29 Giugno 2022, 13:46 - Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 19:37

Sara Pegoraro, illazioni e ironie (assolutamente non richieste) da parte dei no vax sulla morte della 26enne modella trevigiana. La giovane, stroncata da due malori improvvisi, sarebbe deceduta per una sospetta overdose di eroina, ma gli ultimi sviluppi sulle indagini non bastano a spostare certe convinzioni.

Leggi anche > Com'è morta Sara, la modella stroncata da malore a 26 anni: «Possibile overdose, caccia al pusher»

Sui social, infatti, c'è chi associa inevitabilmente il decesso di Sara Pegoraro alla vaccinazione anti-Covid. Senza neanche sapere con certezza se la ragazza fosse vaccinata, e senza sapere l'esito finale dell'autopsia, disposta ma non ancora giunta al termine. Di certo, non sarà il responso del medico legale a spostare certe persone dalle loro convinzioni: c'è chi resta dell'idea che a stroncare la giovane vita di Sara sia stato il vaccino e, anche di fronte ad una totale smentita, non mancherà di accusare «i media corrotti». Come il movimento Democrazia e Libertà su Twitter: «Immediatamente cercano cause inventate, sappiamo tutti invece cosa è successo. La pagherete».

C'è chi sceglie poche parole, semplici slogan ormai ripetuti costantemente tempo. Come il classico e sarcastico «Nessuna correlazione». C'è chi, invece, poi si affida a discorsi molto più articolati. «Giovani che perdono la vita a causa di malori, infarti, aneurismi. Credetemi, se ne leggono ogni giorno. Una mia idea ce l'ho, ma meglio che non la esterni sui social, ma da un paio d'anni a questa parte questi casi sono diventati quasi quotidiani. Credo che sia il momento di farsi qualche domanda», scrive un utente su Facebook. Peccato che due anni fa i vaccini anti-Covid non fossero ancora sul mercato.

Tra i vari commenti su Facebook, spunta anche quello di Robby Giusti in un video. Il dj, da tempo esponente dei no vax e collaboratore per siti e media come ByoBlu, IlParagone.it e La Pressa. «Si è trattato di un malore improvviso, questo è certo. I dubbi sono tantissimi, in questi giorni ci sono tantissimi malori in tutta Italia. Le vere cause non le diranno mai» - spiega Robby Giusti - «Capiremo di più, anche se forse non sapremo mai la verità. Il dubbio è lecito, spero che prima o poi risolvano i nostri dubbi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA