Sara Aiello filmata dal marito mentre moriva, i fratelli presentano denuncia per omicidio volontario

Martedì 2 Marzo 2021
Sara Aiello filmata dal marito mentre moriva, i fratelli presentano denuncia per omicidio volontario

Una denuncia per omicidio è stata presentata alla Procura di Torre Annunziata (Napoli) dai fratelli di Sara Aiello, 36enne di Pimonte morta il 3 giugno 2015 nella sua abitazione di Pompei per cause naturali, secondo i periti nominati dal gip nell'ambito delle indagini svolte all'epoca. I fratelli della donna, rappresentati dagli avvocati Felice Forgione e Salvatore Pettirossi, hanno presentato una denuncia per omicidio volontario nei confronti del marito della donna. Nella denuncia, si legge in una nota, vengono riportate «nuove prove scoperte grazie al lavoro di consulenza effettuato da Emme Team, dopo essere riusciti finalmente ad ottenere gli audio delle chiamate al 118 di quella notte».

 

Leggi anche > Sara Aiello filmata in un video mentre moriva, la svolta: il marito rinviato a giudizio

 

Secondo i fratelli della donna, il marito della vittima «filmò per quasi nove minuti la moglie agonizzante, fino al suo decesso, per poi chiamare i soccorsi. Quello che è finalmente emerso chiaramente dal lavoro dei consulenti è che dopo aver interrotto la ripresa video, il Marano non chiamò immediatamente il 118, anzi aspetto altri due minuti. In una prima chiamata dichiarò che la vittima era in arresto cardiaco, chiedendo un soccorso immediate, ma nella telefonata successiva al contrario affermò che Sara Aiello era ancora in vita, respirando e senza le vie aeree ostruite.

 

Questo quando in realtà, secondo quanto emerso dall'analisi delle chiamate registrate, che riportano sempre data, orario e durata precise, erano già trascorsi quasi 13 minuti. Sempre secondo la ricostruzione fornita dai fratelli sulla base delle indagini svolte da Emme Team, «si attesero ben 37 minuti dopo la morte, ripresa in diretta dal marito, per cercare di prestare a Sara Aiello soccorso adeguato con tanto di defibrillazione per far ripartire il cuore». Secondo le indagini dell'epoca, il marito aveva filmato gli eventi su indicazione del neurologo che aveva in cura la donna, per comprendere di quale patologia si trattasse. La donna, secondo quanto chiarito dall'autopsia, soffriva di una cardiopatia ereditaria congenita a cui si era associata una presunta patologia epilettica.

 

 

Ultimo aggiornamento: 00:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA