Rubavano nelle boutique di lusso con «borse schermate»: in manette tre uomini e due donne

La merce rubata è stata sequestrata e restituita alle boutique.

Sabato 26 Febbraio 2022
Sgominata una banda di 5 persone che rubava con 2borse schermate anti taccheggio

Sgominata la banda del furto delle borse di lusso tra Milano, Firenze e Roma. Cinque persone sono finite in manetta con l'accusa di aver effettuato, nel corso degli anni, numerosi furti con una «borsa schermata»Come riporta la Nazione, l'arresto è avvenuto all'alba di oggi e ha riguardato tre uomini e due donne (tutti di cittadinanza mongola), sono finiti in manette: tre in carcere e due ai domiciliari. Complessivamente i furti sono otto tra Roma, Milano, San Giuliano Milanese, Firenze, Lecco e Lugano. 

 

Leggi anche > Marco, il bimbo di 2 anni nato a Ischia in fuga con la mamma e la nonna dalla guerra in Ucraina

 

L'indagine è stata avviata a novembre 2019 dopo l'arresto di due cittadini mongoli, sorpresi a rubare due borse di lusso da una nota boutique del centro storico della Capitale. La coppia avrebbe utilizzato una borsa apposita per eludere i sistemi anti taccheggio. Le successive indagini, eseguite dai carabinieri, attraverso il materiale di videosorveglianza delle boutique e con l'aiuto dei tabulati telefonici dei cellulari degli arrestati e delle persone a loro vicine, hanno permesso di individuare e ricollegare altri furti messi a segno dalla banda a Firenze e Milano.

Così, in poco tempo, è stata scoperta un' organizzazione, al cui vertice c'era una cittadina mongola e a suo marito, che si serviva di «manodopera» della stessa nazionalità, reclutata di volta in volta, fatta arrivare appositamente in Italia per commettere furti. 

La merce rubata dalla banda veniva in parte rivenduta sul mercato parallelo di Milano, tramite piccoli ricettatori ed in parte spedita all'estero dove, una complice dell'associazione, si adoperava per rivendere alcuni pezzi al dettaglio. Le indagini hanno consetito, a giugno 2020, di arrestare una coppia di persone in flagranza di reato per furto aggravato in concorso, ma anche di recuperare e sequestrare borse per un valore complessivo di 50mila euro.

La merce rubata è stata sequestrata e restituita alle boutique. Sequestrato anche il materiale utilizzato per la realizzazione dei furti, come buste schermate e ganci metallici artefatti

© RIPRODUZIONE RISERVATA