Roberta Siragusa, l'appello dei genitori: «Chi sa qualcosa parli». Il fidanzato aveva parlato di suicidio

Mercoledì 27 Gennaio 2021
Roberta Siragusa, l'appello dei genitori: «Chi sa qualcosa parli». Il fidanzato aveva parlato di suicidio

I familiari di Roberta Siragusa, la ragazza morta a 17 anni nelle campagne di Caccamo, nel palermitano, uccisa e bruciata e gettata in un burrone, hanno lanciato un appello per le indagini sull'omicidio della figlia: «Chi sa parli, chi è a conoscenza di particolari, anche apparentemente poco significativi, si rivolga ai carabinieri», hanno detto. «Anche circostanze apparentemente ininfluenti, potrebbero rivelarsi importanti per il raggiungimento dell'unico obiettivo comune, la verità», dicono attraverso i loro legali i genitori e il fratello di Roberta invitando i media a «rispettare la persona di Roberta, la sua dignità e il suo diritto alla riservatezza».

 

Leggi anche > In una foto di Roberta spunta un ematoma

 

Qualunque informazione può aiutare i carabinieri a ricostruire i pezzi mancanti di un giallo che sembra ormai sostanzialmente risolto e che vede nel fidanzato della giovane vittima, Pietro Morreale, il presunto colpevole. Per domattina è stata fissata l'udienza di convalida del fermo di Morreale, in cella da ieri con le accuse di omicidio volontario e occultamento di cadavere. Secondo gli inquirenti, dopo una lite con la fidanzata, l'avrebbe strangolata e poi si sarebbe disfatto del corpo tentando di bruciarlo e gettandolo in un burrone nelle campagne di Caccamo. Poi sarebbe tornato a casa, avrebbe rivelato ai suoi quanto accaduto e col padre sarebbe andato in caserma.

 

 

La versione di Pietro smentita da un video

 

È stato Pietro a portare gli inquirenti sul luogo in cui era il corpo di Roberta domenica mattina. Ai militari il ragazzo avrebbe raccontato una storia molto diversa, parlando di suicidio della fidanzata dopo una discussione. Roberta si sarebbe data fuoco con la benzina che era in una bottiglia conservata in macchina. Disperato il fidanzato avrebbe cercato di soccorrerla, poi si sarebbe allontanato sotto choc. Versione smentita da un video che vede la macchina di Morreale fare su e giù dal luogo in cui è stato trovato il cadavere per 4 volte intorno alle due di notte. E sempre le immagini di video-sorveglianza del paese avrebbero ripreso la macchina di Morreale vicino al campo sportivo in cui spesso si appartano le coppiette.

 

Secondo gli inquirenti, l'omicidio sarebbe avvenuto proprio in quel luogo forse dopo il rifiuto della ragazza di avere un rapporto sessuale con il fidanzato. «Sapevo che sarebbe successo qualcosa di brutto, dicevo a Roberta di lasciarlo, ma lei aveva paura perché lui aveva minacciato di fare del male a lei e alla famiglia», ha raccontato un amico della vittima. Uno dei tanti testimoni di un rapporto pieno di tensioni, violenze e scenate di gelosia. E proprio gli amici e i compagni di scuola di Roberta ieri sera hanno voluto ricordarla con una candela davanti ai balconi e alle finestre delle loro case.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA