Perugia, 14enne minaccia di morte la madre e la picchia a ogni rimprovero: portata in comunità

Domenica 9 Giugno 2019
Minacciava di morte la madre e la aggrediva anche fisicamente, costringendola a vivere in un costante stato di ansia e paura. L'incubo di una donna era diventata la figlia di 14 anni, che la assaltava ogni volta che questa la contraddiceva o tentava di imporle delle regole di comportamento. Per questo una quattordicenne della provincia di Perugia è stata collocata in comunità dai carabinieri. Che hanno così dato esecuzione a una misura cautelare disposta dal tribunale per i minorenni del capoluogo umbro.

Gli accertamenti sono stati avviati dopo la denuncia da parte della donna alla stazione dell'Arma del suo paese. Gli inquirenti, coordinati dal sostituto procuratore per i minorenni Flaminio Monteleone hanno quindi ricostruito - riferiscono i militari - decine di episodi in cui «per motivi futilissimi», la ragazza, che è stato appurato faceva anche uso di alcol e stupefacenti - minacciava di morte la madre. Anche con frasi del tipo «tanto ti ammazzo... una di queste notti ti do una coltellata... vengo su e ti sgozzo». Fino ad arrivare - ritengono i carabinieri - a numerosi casi di percosse e lesioni. Dall'indagine è infatti emerso che diverse, infatti, sono state le occasioni in cui la ragazza ha picchiato «con estrema violenza» la madre, arrivando anche a morderla o a percuoterla utilizzando una sedia o una pala, tanto da provocarle lividi ed escoriazioni su tutto il corpo. 
Ultimo aggiornamento: 13:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA