Quando faremo il vaccino anti Covid? L'ordine delle somministrazioni a seconda di età e lavoro

Lunedì 8 Marzo 2021
Quando faremo il vaccino anti Covid? L'ordine delle somministrazioni a seconda di età e lavoro

Nei prossimi quattro mesi dovrebbero arrivare poco più di 40 milioni di dosi di vaccino anti Covid, con la campagna vaccinale che potrebbe finalmente decollare e milioni di cittadini italiani che potranno dunque accedere al farmaco. Ma in quale ordine saranno vaccinati gli italiani, e quando? Dalle indicazioni del Ministero della Salute emergono le potenziali tempistiche per coloro che chiederanno di farlo.

 

Leggi anche > Ipotesi lockdown di 3-4 settimane per accelerare le vaccinazioni

 

Come sappiamo, la prima categoria ad essere vaccinata (a gennaio e febbraio) è stata quella dei sanitari, poco più di 1,4 milioni di persone. Subito dopo è stato in corso (ed è tuttora in corso la somministrazione) del personale delle Rsa (570mila persone), del personale scolastico e universitario (1,3 milioni), delle forze armate (552mila persone) e dei penitenziari (98mila persone), in programma tra gennaio e aprile.

 

Sempre tra gennaio e aprile ci sono poi i luoghi di comunità (civili e religiosi), altre 200mila persone, e altri servizi essenziali (2,1 milioni). Da febbraio è in corso la vaccinazione per gli over 80 (4,4 milioni). Da maggio toccherà a tutti gli altri: i primi saranno i cittadini estremamente invulnerabili indipendentemente dall’età (2 milioni di persone). Poi sempre a maggio i cittadini tra i 75 e i 79 anni (2,6 milioni).

 

Tra maggio e giugno i vulnerabili under 65 (4,5 milioni), i vulnerabili tra i 66 e i 69 anni (1,2 milioni), i 70-74enni (3,3 milioni) e i 60-65enni (2 milioni). A seguire tra giugno e luglio i 55-59enni senza rischi specifici (2,1 milioni). Da luglio e fino ad agosto partirà invece la vaccinazione dei 45-54enni senza rischi specifici (4,9 milioni di persone). Tra luglio e settembre i 35-44enni senza rischi specifici (5,2 milioni). Da agosto in poi i 25-34enni (5,4 milioni) e tra agosto e ottobre i 16-24enni (4,9 milioni).

 

C’è da dire che le tempistiche sono ancora incerte: la circolare di oggi del Ministero della Salute che ha dato il via libera definitivo al vaccino AstraZeneca anche per gli over 65, e la disponibilità maggiore di dosi delle prossime settimane dovrebbe consentire alla campagna vaccinale di procedere con una velocità maggiore rispetto agli ultimi due mesi. Ieri il ministro della Salute Roberto Speranza ha detto che il Governo sta lavorando perché la maggioranza degli italiani sia vaccinata entro l’estate: c’è solo da capire se accadrà davvero entro l’inizio o la fine della bella stagione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA