Poste, sistemi informatici in tilt: sospetto attacco hacker, poi la precisazione. «Disguido per aggiornamenti tecnici»

Uffici postali chiusi o aperti in ritardo questa mattina, poi Poste Italiane spiega: "Problema interno, nessun attacco hacker"

Poste, sistemi informatici in tilt: sospetto attacco hacker, poi la precisazione
Poste, sistemi informatici in tilt: sospetto attacco hacker, poi la precisazione
2 Minuti di Lettura
Lunedì 30 Maggio 2022, 09:54 - Ultimo aggiornamento: 31 Maggio, 10:53

Un pessimo inizio di settimana per Poste Italiane e per gli utenti. Da questa mattina, gli uffici postali di tutta Italia non riescono ad erogare regolarmente i loro servizi a causa di problemi ai sistemi informatici.

Leggi anche > Sciopero della scuola, manifestazioni e sit-in di prof in tutta Italia. Attesi cento pullman a Roma. Corteo in piazza Santi Apostoli

Poste, servizi e uffici in tilt

In alcuni uffici postali, i servizi si svolgono a singhiozzo. In altri, invece, sono completamente paralizzati ed è impossibile svolgere operazioni sia in entrata, che in uscita. Davanti a molti uffici postali si sono formate lunghe code di utenti che non riescono a ottenere i servizi di cui hanno bisogno. La situazione attuale, con i disservizi ai sistemi informatici, di fatto vede la paralisi di molti uffici postali. Molti uffici postali hanno aperto in ritardo.

Poste, nessun attacco hacker

Molti uffici postali, contattati telefonicamente questa mattina, non hanno voluto confermare né smentire la natura del problema. Inevitabile il forte sospetto che dietro il disservizio ci fossero gli hacker russi di Killnet, che nelle scorse ore avevano minacciato di nuovo l'Italia, annunciando «un colpo irreparabile». Poste Italiane ha spiegato che si tratta di un problema ai sistemi informatici di natura interna, che non ha nulla a che vedere con eventuali attacchi dall'esterno.

«Il disguido tecnico, che si è verificato stamani  negli uffici postali, è dovuto ad un aggiornamento del sistema» e non ad un attacco informatico. E' quanto fanno sapere fonti di Poste Italiane, precisando che «il disguido è in via di risoluzione». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA