Multa da tremila euro per un 19enne sorpreso a urinare in strada: «Non posso pagare, mia madre ha perso il lavoro»

Sabato 26 Giugno 2021
Multa da tremila euro per un 19enne sorpreso a urinare in strada: «Non posso pagare e mia madre ha perso il lavoro»

Più di tremila euro di multa per aver fatto pipì in strada. È accaduto a fine maggio a un ragazzo di 19 anni, Manuel, a Ravenna. Il giovane stava rientrando da una lunga giornata di stage in un negozio in centro e non riuscendo più a trattenerla ha urinato dietro a un bidone. Con lui l'amico Lorenzo. Il caso ha voluto che in quel momento passasse la polizia locale che li ha fermati e multati entrambi per atti osceni in luogo pubblico.

 

Leggi anche > Emilio Fede svegliato alle 4 da due agenti in hotel a Napoli: cosa è successo

 

Come riporta Ravenna Today, il bisognino è costato caro: ben 3333 euro. Soldi che peseranno inevitabilmente sul bilancio familiare. Uno di loro, infatti, ha raccontato che la madre ha perso il lavoro e che non è in grado di pagare la sanzione. «È giusto per me e Lorenzo ricevere una punizione per quello che abbiamo fatto - ha aggiunto Manuel -  ma se avessero voluto davvero rieducarci potevano farci fare dei lavori socialmente utili, a me sarebbe andato bene. Io quei soldi non li ho, è assurdo: da dove dovrebbe tirarli fuori un 19enne 3000 euro? Sento che questo potrebbe davvero rovinarmi, è un debito enorme che ho con lo Stato. Mia mamma sta peggio di me, e io non voglio assolutamente che tutto questo ricada su di lei economicamente. Dev'essere data la possibilità di avere un'alternativa, servono più bagni pubblici in centro se non vogliamo più che queste cose succedano».

 

«È giusto punirli, hanno sbagliato e devono pagare - ha aggiunto la mamma - ma 3333 euro non è una cifra sostenibile, nè per mio figlio che a soli 19 anni quei soldi non può averli, nè per me che per colpa del Covid ho perso il lavoro. Così si puniscono solo le famiglie già in difficoltà, che stanno uscendo adesso dalla situazione portata dal lockdown. La multa dev'essere proporzionata, 3000 euro per una pipì fatta dietro a un bidone, quando l'alternativa di un bagno pubblico non c'è, non lo è. La sanzione si può anche pagare a rate in tre mesi, quindi circa 1100 euro al mese: praticamente uno stipendio, e io non ne ho più uno. Ho anche dovuto assumere un avvocato per cercare di fare ricorso, ma non so come lo pagherò. Così ci rovinano la vita a me e a mio figlio, lui dopo quello che è successo non è uscito per due settimane perchè era troppo giù di morale».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:55 © RIPRODUZIONE RISERVATA