Paziente 1, la storia di Mattia: «Mi dissero 'il coronavirus non sa neanche dove sta Codogno'»

Venerdì 5 Giugno 2020
Paziente 1, la storia di Mattia: «Ho saputo del coronavirus solo quando ho riavuto il cellulare»
Da quella che veniva ritenuta una banale e leggera polmonite alla prima diagnosi di coronavirus in Italia: ecco la storia di Mattia Maestri di Codogno. «Ho scoperto di essere il paziente 1 solo una volta che ho preso in mano il mio smartphone. E' lì che ho capito cosa fosse successo e cosa stesse ancora accadendo. Fino ad allora sapevo solo che ero stato ricoverato per una polmonite. Era ciò che mi avevano detto. Ma confesso che non mi pesa essere chiamato paziente 1. Sono il paziente che è stato certificato per primo. Non penso proprio di essere il paziente numero 1».

Lo ha detto a Sky TG24 Mattia Maestri, il 'paziente 1' di Codogno, in un'intervista che andrà in onda domani, sabato 6 giugno, alle 14.30 su Sky TG24. «Sono stato ricoverato per polmonite. Solo quando mi sono svegliato mi hanno raccontato cosa c'era in giro, cosa stava succedendo e neppure nel dettaglio. Solo dopo ho capito la gravità di quello che stava succedendo intorno a me. Mi sento fortunato. Ho pensato molto dove possa aver preso il virus ma non ho la benché minima idea di questo dove possa essere accaduto. Sia io che mia moglie nelle nostre ricostruzioni non siamo venuti a capo di un possibile punto di inizio. E non c'entra nulla neppure il mio amico tornato dalla Cina».


«Una domenica sera mi sentivo un pò debole e avevo la febbre un pò alta. Pian piano è aumentata e allora sono andato al pronto soccorso. Le analisi hanno detto che era una lieve polmonite e mi è stato suggerito di curarla a casa, in quanto nei soggetti giovani è una pratica che viene svolta così. Al mio ritorno a casa con antibiotico, però la febbre è aumentata e mi sono ripresentato al pronto soccorso. Da lì in poi la febbre è cresciuta ancora fino a quando sono stato portato in terapia Intensiva. Ma fino a quel momento nessuno sapeva dirmi nulla. Se penso oggi a un episodio capitato durante il mio secondo ricovero sorrido. Chiedo ad un operatore sanitario se potesse essere un caso di coronavirus e in dialetto mi risponde 'il coronavirus Cudogn ' Ensà nianche addu stà che significa 'il Coronavirus non sa neanche dove sia di casa Codognò e invece siamo stati l'inizio di tutto». Lo ha detto a Sky TG24 Mattia Maestri, il 'paziente 1' di Codogno, in un'intervista integrale che andrà in onda domani, sabato 6 giugno, alle 14.30 su Sky TG24 Ultimo aggiornamento: 14:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA