Base jamper si lancia dal monte Cimone e scompare: ritrovato il corpo in un canalone

Il lancio di uno jumper
Il lancio di uno jumper
1 Minuto di Lettura
Venerdì 3 Giugno 2022, 09:02 - Ultimo aggiornamento: 13:18

È stato ritrovato privo di vita dal Soccorso Alpino Fvg e dalla Guardia di Finanza il corpo del Base jumper che si era lanciato ieri dal Monte Cimone, in Friuli, e che risultava disperso. Si trovava in fondo a un canalone quasi inaccessibile, a 2.050 metri di quota, circa trecento metri più sotto della cima, dalla quale si presume si sia lanciato. La salma è stata recuperata con una delicatissima manovra dell'elisoccorso Fvg che ha usato il gancio baricentrico per una lunghezza di oltre settanta metri. Non sono stati trovati i documenti della vittima dell'incidente: si sa che ha 35 anni e dovrebbe essere di nazionalità australiana. 

L'incidente ieri pomeriggio

Ieri pomeriggio, 2 giugno, poco dopo le 15 è stato dato l'allarme per il mancato rientro di un base jumper di nazionalità estera da parte di chi lo attendeva. L'uomo, trentacinque anni, aveva programmato un lancio dal Monte Cimone (Alpi Giulie Occidentali) ma poi non è rientrato dove era atteso. Il Soccorso Alpino, con le stazioni di Moggio Udinese e Cave del Predil e la Guardia di Finanza di Sella Nevea, sono state allertate e si sono messe a disposizione dell'elicottero della Protezione Civile che si è alzato in volo per una ricognizione dall'alto sui versanti del Monte Cimone. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA