Palamara, la procura chiede il processo disciplinare per il magistrato e altri 9. C'è anche Cosimo Ferri

Giovedì 25 Giugno 2020
Palamara, la procura chiede il processo disciplinare per il magistrato e altri 9

La procura generale della Corte di Cassazione ha concluso la prima fase dell'istruttoria disciplinare a carico dei magistrati coinvolti nel caso Palamara e ha chiesto il processo alla sezione disciplinare del Csm per 10 magistrati, relativamente all'incontro avvenuto in un albergo di Roma in cui si discuteva di nomine ai vertici delle principali procure italiane. Lo ha annunciato il procuratore generale della Cassazione, Giovanni Salvi.

Il giudizio disciplinare è stato chiesto oltre che per Luca Palamara, per i 5 ex togati del Csm dimissionari lo scorso anno, Antonio Lepre, Luigi Spina, Corrado Cartoni, Gianluigi Morlini e Paolo Criscuoli, Cosimo Ferri, l'ex pm romano Stefano Fava, l'ex pm della Dna Cesare Sirignano più due magistrati segretari del Csm, per uno dei quali la richiesta di giudizio disciplinare era già stata avanzata.
 
Csm, ora venti magistrati rischiano il trasferimento. L'offensiva di Palamara

Palamara: «Farò i nomi di chi era parte del sistema. Mi cercavano in tanti, ora sono tutti spariti»

Per la posizione di Cosimo Ferri, magistrato in aspettativa e deputato di Iv, «abbiamo chiesto alla sezione disciplinare del Csm di chiedere l'autorizzazione a usare le conversazioni intercettate alla Camera». Lo ha chiarito il pg della Cassazione, Giovanni Salvi, annunciando la richiesta di giudizio disciplinare per 10 magistrati, tra cui lo stesso Ferri. «Rischiano anche le sanzioni più gravi» i magistrati per i quali la procura generale della Cassazione ha chiesto al Csm il giudizio disciplinare, a partire da Luca Palamara. «Proprio perché è stato così grave il colpo subito, abbiamo forte il desiderio di mostrare che siamo in grado di voltare pagina», ha detto ancora Salvi.

Ultimo aggiornamento: 18:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA