Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Omicron, il paziente zero: «Sto bene, sintomi lievi. Per fortuna mi sono vaccinato»

Paziente zero Omicron, chi ha contagiato l'imprenditore campano

Omicron, il paziente zero: «Sto bene, sintomi lievi. Per fortuna mi sono vaccinato»
Omicron, il paziente zero: «Sto bene, sintomi lievi. Per fortuna mi sono vaccinato»
2 Minuti di Lettura
Domenica 28 Novembre 2021, 16:40 - Ultimo aggiornamento: 1 Dicembre, 15:25

Il tampone effettuato prima di partire da Maputo, in Mozambico, era negativo. Al ritorno a San Donato Milanese, invece, il nuovo test è risultato positivo. Questo il racconto del paziente zero della variante Omicron in Italia.

Il racconto: famiglia positiva ma sintomi lievi

«Come previsto dalle normative vigenti - spiega l'uomo, un manager che è arrivato a Fiumicino il 12 novembre per poi recarsi a Caserta - ho rispettato lungo tutto il tragitto aereo le misure di distanziamento sociale e di barriera individuale a tutti note. Successivamente mi sono recato a San Donato Milanese per le visite mediche programmate aziendali e contestualmente ho effettuato un nuovo test PCR, propedeutico all’imbarco per il volo di rientro a Maputo. Avendo avuto riscontro positivo di questo secondo test, ho viaggiato verso la mia residenza di Caserta evitando qualunque contatto con soggetti terzi per iniziare l’isolamento domiciliare previsto».

Paziente zero Omicron, chi ha contagiato?

La moglie dell'uomo e i due figli, ma anche madre e suocera sono positivi al Covid. Il paziente zero però sottolinea che i sintomi suoi e dei familiari sono blandi: «Sono soddisfatto di essere stato vaccinato poiché il vaccino ha funzionato nel nostro caso in maniera egregia». Attualmente la famiglia è in isolamento in casa, monitorata dai medici e dall'autorità sanitaria. «Aspettiamo il riscontro negativo del test PCR per uscire dall’isolamento e chiudere questa fastidiosa vicenda».

© RIPRODUZIONE RISERVATA