Omicidio-suicidio a Prato: uomo uccide la moglie col fucile, poi si toglie la vita

L'uomo, meccanico in pensione, era provato da tempo dopo un incendio che aveva distrutto il suo garage

Domenica 5 Dicembre 2021
Omicidio-suicidio a Prato: uomo uccide la moglie con una fucilata, poi si toglie la vita

Tragico caso di omicidio-suicidio a Prato, dove una coppia di anziani coniugi è stata trovata priva di vita questa mattina nella abitazione in cui viveva, in via Filizi. Secondo la ricostruzione degli investigatori, si tratterebbe proprio di un omicidio-suicidio: l'uomo, un pratese di 72 anni, avrebbe sparato alla moglie di 76 anni con un fucile da caccia, per poi rivolgere l'arma contro di sé e togliersi la vita.

 

Leggi anche > Covid, sta meglio l'11enne intubato a Napoli

 

La scoperta dei due cadaveri è stata fatta poco prima delle 8 dai vigili del fuoco, entrati nell'abitazione di via Filzi dopo l'allarme lanciato da familiari della 76enne: questi ultimi erano preoccupati perchè, prima cercandola al telefono poi recandosi stamani alla casa di via Filzi, non riuscivano ad avere risposte dalla donna. Il decesso risalirebbe a ieri, forse a dopo pranzo. La coppia sarebbe stata trovata in cucina, con la tv accesa, la donna seduta su una sedia, l'uomo a terra al suo fianco e con accanto il fucile. Sul posto anche i carabinieri.

 

 

 

Nessun biglietto. Giallo sul movente

 

Nessun biglietto che spieghi l'omicidio-suicidio è stato al momento ritrovato dai carabinieri di Prato nell'abitazione. Tra le ipotesi sul perchè della tragedia lo stato d'animo del 72enne, descritto come provato dal marzo scorso in seguito a un incendio sviluppatosi nel garage di pertinenza della casa della coppia, rogo che aveva causato vari danni e problemi al condominio, uno stabile di sei piani per quattordici appartamenti oltre a uffici.

 

Secondo quanto riferito da familiari agli investigatori, pare che l'anziano temesse possibili problemi di risarcimenti da parte dell'assicurazione, e per questo avesse accusato stati d'ansia e depressione per i quali sarebbe anche andato in cura. Il rogo si era sviluppato il 5 marzo: a prendere fuoco, in garage, un'auto. Abitazioni e uffici erano stati fatti evacuare e il rientro era slittato per diverse settimane a causa dei lavori di ripristino.

Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 17:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA