Coronavirus, torna l'incubo a Palermo: la rianimazione dell'ospedale Cervello satura

Martedì 15 Settembre 2020
Torna l'incubo coronavirus in Sicilia. All’ospedale Cervello di Palermo sono ricoverate 60 persone contagiate da Covid-19, 14 delle quali in terapia intensiva, reparto che ha così raggiunto la saturazione. Secondo  il direttore dell'Unità operativa di Malattie infettive la situazione resta grave, molto peggio di quello che nel nosocomio si è vissuto all'apice dell'epidemia nazionale.

Leggi anche > Coronavirus in Italia, 1.229 nuovi casi positivi con 80mila tamponi. Nove decessi, terapie intensive sopra 200

In pochi giorni sono arivati molti contagiati, contrariamente a quanto accadeva nei mesi precedenti, così si è creato un affollamento nel reparto ormai quasi saturo. Nei giorni scorsi, il personale sanitario è riuscito a tracciare alcuni contatti riuscendo a capire che molte persone sono state esposte al Covid-19 in un ristorante della provincia di Trapani, mentre altre, asintomatiche, hanno portato il virus nelle famiglie dal Nord Italia.

Ora interverranno altri presidi sanitari della città per aiutare l'ospedale Cervello. La speranza è che si possa contenere il contagio, spiega il direttore: N«oi al Cervello stiamo recuperando altri posti. Nella speranza, però, di non arrivare a numeri così elevati da essere costretti ad arrivare ad altre province». © RIPRODUZIONE RISERVATA