Donna ha un malore e muore aspettando l'ambulanza: «50 minuti di attesa, è inaccettabile»

Lunedì 9 Novembre 2020
Donna ha un malore e muore aspettando l'ambulanza: «50 minuti di attesa, è inaccettabile»

Muore in attesa dell'ambulanza, dopo un ritardo di quasi un'ora: accade nel barese a Noci dove sabato sera una signora, dopo essersi sentita male, ha perso la vita per via dei soccorsi arrivati dopo circa 50 minuti. A raccontare l'accaduto il sindaco della città Domenico Nisi, che ha usato parole durissime: «È inaccettabile», afferma. «Una signora accusa un malore, l'ambulanza arriva sul posto dopo 50 minuti. E nello sgomento e nell'incredulità generale, nella piazza centrale del nostro paese la comunità assiste alla morte di una persona».

 

Leggi anche > Massimo Galli: «I medici vogliono lockdown totale. Non ripetiamo gli errori dell'estate»

 

A causa dell'emergenza Covid i tempi di intervento delle ambulanze si sono dilatati e il sindaco lancia un appello: «L'unica cosa che, ci piaccia o no, dobbiamo accettare è che siamo in una situazione difficilissima, drammatica e inedita. Tutte le cose che non funzionano richiederebbero che noi, con comportamenti virtuosi, provassimo a mitigare le difficoltà».

 

«Le telefonate e le spiegazioni ricevute - prosegue - non riporteranno in vita la cara signora Maria, alla cui famiglia porgo il cordoglio dell'intera comunità. La precarietà del nostro sistema sanitario è inaccettabile. Questo dolore e questo lutto, e lo sgomento devono costringerci a riflettere con grande serietà sul tempo che viviamo». «Perché inaccettabile é anche il comportamento di tanti, nonostante gli appelli reiterati - aggiunge - Inaccettabile é la richiesta di maggiori controlli mentre si disattendono largamente le norme a tutti note. Io trovo inaccettabile che per la salvaguardia della salute di tutta la comunitá debba essere necessario un vigile o un carabiniere per ogni abitante»

 

INACCETTABILE. Solo cosí può essere definito quanto accaduto nella nostra città ieri sera: una signora accusa un...

Pubblicato da Domenico Nisi su Domenica 8 novembre 2020

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA