'Ndranghetisti col reddito di cittadinanza, 43 denunce in Calabria

Martedì 25 Maggio 2021
'Ndranghetisti col reddito di cittadinanza, 43 denunce in Calabria

Calabria, gli esponenti e gli affiliati della 'ndrangheta percepivano il reddito di cittadinanza. A scoprirlo è stata la Guardia di Finanza: nella sola provincia di Vibo Valentia sono state 43 le persone denunciate.

 

Leggi anche > Roma: percepivano il reddito di cittadinanza senza diritto, denunciate 15 persone

 

Tra i denunciati ci sono esponenti di alto rango della 'ndrangheta e altri affiliati alle cosche del Vibonese. Tra i nomi 'eccellenti' compaiono quello di Leonardo Melluso, di 56 anni, ritenuto al vertice dell'omonima cosca di Briatico, già coinvolto nell'operazione «Costa Pulita» o Francesco La Rosa (46), affiliato all'omonimo clan di Tropea, già condannato. E ancora Gaetano Muscia (67), legato ai Mancuso di Limbadi, già coinvolto nell'operazione «Ossessione», Pasquale Accorinti (52), appartenente alla cosca La Rosa di Tropea, già coinvolto nell'operazione «Cerbero», Raffaele Pardea (62), affiliato alla cosca Pardea-Ranisi di Vibo Valentia e Francesco Gasparro (50), affiliato allo cosca Accorinti di Zungri, già coinvolto nell'operazione «Rinascita Scott».

 

Leggi anche > Si trasferisce in Italia per 24 ore: prende il reddito di cittadinanza e poi torna in Romania

 

Tutti i 43 denunciati, in prima persona o con dichiarazioni sottoscritte dai familiari, nella richiesta del reddito di cittadinanza avevano accuratamente omesso di specificare le condanne a loro carico per associazione a delinquere di tipo mafioso. Solo gli accertamenti dei finanzieri di Tropea hanno permesso di riscontrare l'illecito. L'operazione di oggi segue di qualche settimana quella che solo qualche giorno addietro, ha portato i finanzieri di Vibo Valentia a individuare altri furbetti anche tra elementi arrestati nell'operazione Rinascita Scott della Dda di Catanzaro. Un fenomeno quello della percezione indebita del reddito di cittadinanza, in particolare da parte di soggetti legati alle consorterie criminali, che in Calabria appare molto diffuso e che non risparmia, come le cronache degli ultimi giorni si sono incaricate di mettere in evidenza, nemmeno i cittadini extracomunitari.

Ultimo aggiornamento: 23:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA