Napoli, rubato l'albero di Natale nel palazzo del Consiglio comunale

L'albero, alto circa 180 centimetri, era posizionato nel cortile interno del palazzo

Venerdì 17 Dicembre 2021
Rubato, la scorsa notte, dal palazzo comunale, l'albero di Natale

Il grinch ha fatto tappa a Napoli. E' stato rubato l'albero di Natale allestito nel cortile del palazzo del Consiglio comunale della città partenopea. A scoprirlo sono stati i dipendenti del Comune che, arrivati in sede, non hanno più trovato l'albero e tutti i suoi addobbi. In corso gli accertamenti e le verifiche della polizia municipale per fare luce sull'accaduto.

 

Leggi anche - Bollette luce-gas in 10 rate nel 2022 contro i rincari. Torna il bonus tv

 

Sembra che il furto sia avvenuto prima delle ore 20.30 di giovedì sera e dopo che il personale addetto alla guardiania aveva terminato l'orario di lavoro. Il palazzo di via Verdi non ha un impianto di videosorveglianza né di un presidio serale-notturno della polizia municipale. Alcuni dipendenti comunali hanno riferito di aver notato, lungo la strada che porta da via Verdi alla vicina via Santa Brigida, «segni di trascinamento e qualche pallina natalizia a terra». L'albero, alto circa 180 centimetri, era posizionato nel cortile interno del palazzo, nei pressi dell'ascensore, e qui i ladri hanno abbandonato le lucine e le altre palline che lo decoravano. Sconcerto stamattina tra i dipendenti degli uffici comunali per quanto accaduto.

 

Una preoccupazione condivisa anche dal consigliere e capo dell'opposizione di centrodestra, Catello Maresca, che ha stigmatizzato l'accaduto come «un fatto molto grave che apre a una riflessione sulla sicurezza all'interno di una sede istituzionale ma soprattutto è un fatto preoccupante che potrebbe nascondere altre motivazioni».

 

Da qui la richiesta «di predisporre una verifica delle condizioni di sicurezza della struttura» e all'autorità giudiziaria «di un pronto intervento che individui i responsabili oltre ad eventuali motivazioni dietro questo furto che potrebbe sia essere fine a sé stesso sia un segnale preoccupante per il Consiglio comunale».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA