Napoli, Giuseppa è la nonnina ultracentenaria: dalla Spagnola al Covid, 110 anni e non sentirli

Venerdì 18 Giugno 2021 di Enrico Chillè

Giuseppa Salerno, classe 1911, gode di ottima salute e ha fiato per cantare con la spensieratezza di una bambina. Una nonna da record che vive a Napoli e che ieri ha compiuto 110 anni: ha ricevuto anche gli auguri speciali del sindaco Luigi De Magistris.

 

Mario, a 84 anni l’esame di maturità: «Ora nuove sfide, computer e rinnovo della patente»

 

Il primo cittadino partenopeo è andato a trovare nonna Giuseppa nella sua casa al rione Sanità, facendole gli auguri e regalandole un mazzo di fiori e le chiavi della città. «Mi è sembrato giusto omaggiarla per la lunga vita che ha avuto», ha spiegato De Magistris. Tutto il quartiere ha fatto festa per questa ultracentenaria, che ieri è stata circondata dall’affetto della sua numerosissima famiglia: cinque figli, 24 nipoti, 44 pronipoti e cinque trisnipoti. La nuora, Maria Esposito, ha assicurato: «È sana come un pesce, ha lavorato fino a 94 anni e ogni mattina scende da sola le scale del soppalco in cui c’è la sua camera da letto». Tra palloncini colorati e una enorme torta, nonna Giuseppa si è anche esibita cantando una canzone.

 

Quando è nata, il 17 giugno del 1911, il re era Vittorio Emanuele III e il presidente del Consiglio Giovanni Giolitti. Di lì a pochi mesi l’Italia avrebbe combattuto in Libia e quattro anni dopo sarebbe entrata nella Prima guerra mondiale. Quando Giuseppa ha compiuto 29 anni l’Italia era appena entrata nella Seconda guerra mondiale, poi questa supernonna ultracentenaria avrebbe assistito anche alla ricostruzione, vivendo i fatti di cronaca più importanti del secolo scorso e persino due pandemie: la spagnola e ora il Covid.

Ultimo aggiornamento: 10:06 © RIPRODUZIONE RISERVATA