Bimbo di 3 anni ha un arresto cardiaco a scuola: salvato dalle maestre. «Un miracolo di Natale»

La manovra, proseguita per diversi minuti, ha permesso al bambino di riprendere il respiro

Bimbo di 3 anni ha un arresto cardiaco a scuola: salvato dalle maestre. «Un miracolo di Natale»
Bimbo di 3 anni ha un arresto cardiaco a scuola: salvato dalle maestre. «Un miracolo di Natale»
di Maria Bruno
3 Minuti di Lettura
Giovedì 9 Dicembre 2021, 19:27 - Ultimo aggiornamento: 20:00

Salvato da un arresto cardiaco: un vero e proprio "miracolo di Natale". È così che è stato ribattezzato quanto successo questa mattina all’interno della scuola ‘Eugenio Montale’ di Scampia, a Napoli, dove un bambino di tre anni è stato salvato dalle sue maestre dopo un arresto cardiaco. Intorno alle 12.00, il piccolo ha perso conoscenza: le insegnanti hanno tempestivamente chiamato il 118, e praticato in autonomia il massaggio cardiaco.

Leggi anche - Abusi al maneggio, la perizia esclude l’incapacità di intendere e volere per l’accusato

«La manovra, proseguita per diversi minuti, ha permesso al bambino di riprendere il respiro, ancor prima dell’arrivo del 118 di Scampia» spiega Manuel Ruggiero, presidente dell’associazione ‘Nessuno Tocchi Ippocrate’, sulla pagina Facebook, e continua: «Poi è stato stabilizzato e trasferito d’urgenza all’ospedale Santobono di Napoli».

Il miracolo è stato possibile grazie all’impegno del dirigente scolastico, Paola Carnevale, che ha preventivamente provveduto alla formazione del personale docente del corso BLSD (Basic Life Support Defibrillation, ovvero le manovre di primo soccorso con l’impiego di defibrillatore) e ha acquistato per la scuola un defibrillatore semiautomatico.

«Questo salvataggio - si legge ancora nel post - è stato possibile grazie alle "eroine" Angela Calvino, Anna Longobardi e Patrizia Viglione, le tre maestre che sotto la guida della team leader Paola Morano hanno compiuto il “miracolo”. Complimenti a queste maestre che si sono scorciate le maniche ed hanno messo due mani sul torace del piccolo! Brave a nome mio e a nome di tutti i membri dell'associazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA